Paesaggi, marmotte e stambecchi: la meraviglia dei Laghi Gemelli - BergamoNews
L'escursione

Paesaggi, marmotte e stambecchi: la meraviglia dei Laghi Gemelli

Escursione nella natura incontaminata tra stambecchi marmotte e mucche. Per passare una domenica diversa o un giorno di ferie vi propongo un giro nella natura incontaminata adatto a tutta la famiglia e un’escursione per esperti

Dall’abitato di Roncobello si sale in auto alla frazione Capovalle e si prosegue fino al termine della strada, fino alle baite di Mezzeno, dove si parcheggia l’auto (1600 metri), strada a pagamento con ticket giornaliero, settimanale o mensile.

Una volta posteggiata l’auto ci si incammina verso il passo di Mezzeno, posto a 2146 metri di altitudine, sul sentiero Cai 217 per poi proseguire sul sentiero 216 fino ai laghi Gemelli.

Il Cai segna come tempo di percorrenza 2 ore. Ma a seconda del passo, il tempo può variare. Una volta raggiunta la meta per i più temerari e meno stanchi c’è la possibilità di proseguire il cammino verso il Lago Colombo circa un’oretta di cammino.

Aguzzate bene la vista tra i sassi si nascondono le marmotte !!

Per vedere gli stambecchi bisogna invece incamminarsi sul sentiero Cai che porta al Pizzo Becco, non adatto ai più piccoli, il sentiero si inerpica su un sentiero roccioso, a un certo punto si incontrano dei grossi massi dove gli stambecchi si riposano e nascondono. Sono animali molto curiosi e si avvicinano anche a pochi metri.

Proseguendo sul sentiero si arriva alla ferrata per salire in vetta, qui bisogna essere attrezzati con imbracature e moschettone; la scalata è di 80 metri e una volta raggiunta la ciò la vista è veramente spettacolare.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it