BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lascia la Tesla per creare un prodotto che azzera i postumi della sbornia

Dal 5 luglio la startup Morning Recovery è sul mercato statunitense.

Ha lasciato il suo lavoro di ingegnere alla Tesla e ha fondato una ditta per produrre una bevanda che azzera i postumi della sbornia. E ce l’ha fatta: da meno di un mese la startup Morning Recovery è in vendita nel mondo occidentale, Stati Uniti in primis. E offre un sollievo decisamente desiderato da tutti coloro che amano ogni tanto eccedere nell’alcol.

Lo faceva ance lui, Sisun Lee, originario della Corea del Sud dove, dopo aver alzato il gomito durante una festa di ritrovo con i vecchi amici, aveva bevuto le bevande tipiche del posto che gli facevano passare i mal di testa post sbornia. Tornato in America, Lee ha cercato quelle bevande, senza successo, e non è riuscito neppure a importarle. Così ha optato per la loro fabbricazione made in Usa. Del resto, aveva studiato ingegneria biotech e nanotecnologie all’università.

Nelle sue ricerche sugli ingredienti Lee ha scoperto il lavoro di Jing Liang, un ricercatore della UCLA che aveva pubblicato alcuni studi sui rimedi vegetali per postumi da sbornia.

L’ingrediente segreto, secondo gli studi di Liang, era un composto vegetale chiamato diidromiricetina (DHM), presente nel ciliegio giapponese, o Albero dell’Uva Passa (Hovenia dulcis), e nel tè di foglie di Ampelopsis grossedentata. Le bevande ricavate da questi vegetali sono usate da secoli in Asia per curare i postumi da alcol.

Così, insieme al dottor Liang ha messo a punto il suo prodotto. E dal 5 luglio la startup Morning Recovery è sul mercato, forte della conformità agli standard della FDA per il suo rimedio ai postumi da sbornia.

Come scrive Business Insider, anche se la formula è conforme agli standard della Food and Drug Administration, il che significa che gli ingredienti sono accettati come integratore dietetico, Lee spera che un giorno che il prodotto arriverà al prossimo e più importante livello di “Approvato dalla FDA”. Se ciò accadesse, i medici potrebbero prescrivere la bevanda come una vera medicina.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.