BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Migranti, il sindaco di Castione: “Analisi della Cisl sconnessa dalla realtà”

Riceviamo e pubblichiamo la replica di Angelo Migliorati, sindaco di Castione della Presolana e consigliere provinciale, all'analisi di Gabriella Tancredi, della segreteria Cisl di Bergamo.

Riceviamo e pubblichiamo la replica di Angelo Migliorati, sindaco di Castione della Presolana e consigliere provinciale, all’analisi di Gabriella Tancredi, della segreteria Cisl di Bergamo.

È davvero difficile leggere un intervento sconclusionato e sconnesso dalla realtà come quello apparso su Bergamonews sabato 29 luglio a firma della signora Gabriella Tancredi della segreteria CISL di Bergamo.

Liquidare il disagio e la rabbia che si sono vissuti a Castione della Presolana riguardo la possibilità di un ulteriore arrivo di 80 migranti definendoli ”micce di un razzismo sempre più latente e pericoloso, mascherato dietro la difesa di un territorio da chissà quali pericoli” denota solamente la superficialità di chi parla per luoghi comuni senza conoscere la realtà, il territorio e la sua gente.
A Castione, signora Tancredi, non esistono famiglie dette “africane” con ville hollywoodiane. Di “africano” c’è un nostro lavoratore, sequestrato in Africa nel 2009 e rilasciato dopo lunghe trattative che hanno impegnato il Governo Italiano. Ma non mi risulta che questo “Africano” abbia costruito, dopo questa sventura, una villa hollywoodiana…
Qui non vi sono pericoli di “razzismo latente”, si tranquillizzi signora Tancredi.

In paese da due anni sono ospitati 56 migranti senza dare gravi problemi e laddove si sono presentati, li abbiamo risolti in collaborazione con la cooperativa Diakonia che si occupa della gestione della struttura.

Settimana scorsa la gente è scesa in piazza per protestare contro il possibile arrivo di 80 nuovi migranti al Passo della Presolana, in una struttura alberghiera funzionante e che ha scelto di chiudere perché l’affitto proposto era non rifiutabile.
Si è chiesto alla Prefettura solamente di rispettare il limite deciso dal Governo di 3 migranti ogni 1000 abitanti, limite peraltro già superato di cinque volte con le attuali presenze.
Da un componente della segreteria di un sindacato quale la Cisl, mi sarei aspettato un’analisi seria del perché un privato scelga di chiudere un albergo che lavora, per incassare l’affitto da una società che si occupa di migranti.

Mi sarei aspettato un’analisi seria del senso di mettere 80 ragazzi al Passo della Presolana, in una zona isolata e con 40 residenti, pensando che vi sia possibilità di integrazione. Mi sarei aspettato una proposta seria riguardo al fatto che solamente 70 comuni bergamaschi (come il nostro) su 242 accolgono i migranti.
Ma è più facile parlare per slogan e luoghi comuni, del Papa Buono (ma che fesso non era) ed avvallare un sistema di accoglienza che fa solo del male ai migranti ed a noi.

Angelo Migliorati
Sindaco di Castione della Presolana
Consigliere Provinciale

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.