BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Rapina finita nel sangue in Kenya: la villa dell’omicidio verrà donata in beneficenza

Lo annuncia il marito della donna uccisa, madre dell'assessore al Commercio di Mozzanica Stefano Scassellati: "Diventerà un consultorio medico per bambini gestito da una fondazione che porterà il nome di Maria Laura"

Diventerà un consultorio medico per bambini la villa di Mombasa che domenica è stata teatro di un’efferata aggressione che è costata la vita a Maria Laura Satta, 71enne madre di Stefano Scassellati, noto a Mozzanica per essere assessore al Commercio.

Lo ha annunciato in un’intervista rilasciata al portale Africa-Express.info Luigi Scassellati, marito della vittima, anch’esso aggredito domenica mattina dagli assassini della moglie. L’uomo, inizialmente ferito in gravi condizioni, ora sta meglio ed è già pronto a rientrare in Italia, dove finirà i giorni di prognosi prima di decidere dove stabilirsi.

“Tornerò in quella casa solo quando sarò completamente ristabilito – ha dichiarato – e quando avrò riacquistato la forza morale per farlo”. Ci tornerà, ma non per abitarci o trascorrervi le vacanze che condivideva con la moglie: “Ho già preso contatti con un amico medico impegnato in opere di beneficenza. Quella casa sarà il primo frutto di una fondazione a nome di Maria Laura e si trasformerà in un consultorio medico per bambini”.

Il corpo di Maria Laura verrà cremato, come lei desiderava, presso il Pandia Hospital di Mombasa e le autorità consolari italiane provvederanno ad inviare le ceneri al marito, affinché venga sepolta in un piccolo cimitero della loro terra d’origine, la Sardegna: “Avevamo entrambi concordato che alla fine della nostra vita saremmo stati sepolti lì – ha ammesso –. E’ uno splendido posto. Appollaiato su una collinetta che domina il mare. Il mare sardo, non meno bello di questo che sto lasciando per sempre”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.