BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gran Trail Orobie, per Luca Carrara un trionfo in solitaria dopo 70 km

L'atleta bergamasco è giunto in Città Alta dopo aver percorso 70 km in 8 ore e 17 minuti, in testa alla corsa dall'inizio alla fine

L’arco di Piazza Vecchia è divenuto trionfale, tant’è che esso ha coronato il nuovo podestà di Bergamo. Il suo nome è Luca Carrara ed al cospetto dei re dell’Orobie Ultra Train ha vinto la corsa gemella, il Gran Trail Orobie, gemella più piccina della prima, non fosse altro per il chilometraggio (70 km contro 140), ma guai a definirla meno dura, sarebbe come dire ad un centometrista che compie uno sforzo inferiore ad un mezzofondista.

Per Carrara questa è una rivincita sulla sfortuna e sui crampi che l’anno scorso lo avevano fermato verso Selvino e che lo avevano relegato ad un ingrato quarto posto dopo esser stato a lungo in testa. Quest’anno non sono bastati ne’ i fantasmi ne’ gli avversari a fermarlo, tant’è che l’atleta bergamasco ha fatto una corsa di testa sin dalla partenza a Carona, scalando le vette della Val Brembana e della Val Seriana come un carneade e giungendo in otto ore e diciassette minuti.

“Verso Selvino ho avuto un piccolo problema di alimentazione e lì si è materializzato lo spettro dello scorso anno. La fortuna ha voluto che sia riuscito a nutrirmi un poco ed a riprendermi tanto da giungere al traguardo per primo – ci confessa il runner bergamasco – Lo scorso anno avevo deciso di partecipare tre giorni prima del via e per questo ho pagato dazio, mentre la maggior esperienza mi ha portato quest’anno a raggiungere l’obiettivo nonostante la tendinite”.

Segreto della vittoria di Carrara è stato sicuramente il suo staff ma anche la famiglia che lo ha seguito dovunque, ma la dedica più grande va ad un suo collega infortunato: “Voglio che questa vittoria sia dedicata a Simone Vecker che questa settimana ha subito intervento. Spero di rivederlo al più presto in pista per provare a battermi”.

Dietro Carrara si sono classificati lo statunitense Rick Floyd ed il lituano Vaidas Zayblas, che sono giunti in Bergamo Alta con un ritardo sostanzioso.

L’Orobie Ultra Trail, il Gran Trail Orobie ed anche il Bergamo Urban Trail non sono state una vittoria solo per gli atleti, ma anche per gli organizzatori che si sono impegnati sin dall’anno scorso per preparare un evento di tali proporzioni: “È un lavoro che dona grande emozioni, in particolare alla conclusione delle gare – ci spiega Matteo Zanardi, coordinatore generale delle gare –. L’agenzia Spacelane e l’associazione AssoOrobica lavorano per un anno intero per organizzare questo evento e riesce a farlo grazie ai numerosi volontari (circa 850) che sono insostituibili”.

Pensando alla prossima edizione abbiamo chiesto a Zanardi se si potrà allargare la competizione ad altre valli : “Quest’anno abbiamo introdotto la Bergamo Urban Trail, quindi per ora pensiamo ad una novità all’anno. Se ci saranno alternative sul percorso, saranno una sorpresa.

Foto di Mirko Pizzaballa

Gran Trail Orobie 2017
Gran Trail Orobie 2017
Gran Trail Orobie 2017

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.