BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mio figlio ferito come Claudia Cretti in incidente: lei e i genitori vinceranno questa corsa

Il papà di una ragazzo rimasto ferito gravemente in seguito a un incidente rivive la propria storia leggendo quella dei genitori di Claudia Cretti. La racconta e poi vuole dar forza a Claudia, Laura e Beppe, con tutto il cuore.

Il papà di una ragazzo rimasto ferito gravemente in seguito a un incidente rivive la propria storia leggendo quella dei genitori di Claudia Cretti. La racconta e poi vuole dar forza a Claudia, Laura e Beppe, con tutto il cuore.

Buongiorno,

con questa mia volevo esprimere la mia vicinanza a Claudia Cretti ed alla sua famiglia. Non potendo farlo direttamente, ho pensato di scrivere al vostro giornale.

Sono il papà di un ragazzo che nel settembre 2010 in seguito di un incidente stradale ha subìto un grave e diffuso danno assonale oltre ad altri danni fisici. E’ rimasto in coma
farmacologico circa 20 giorni, ma il vero risveglio si è avuto quattro mesi esatti dall’incidente, da quel momento è iniziata la vera riabilitazione.

Mi hanno molto colpito le parole della mamma sulle prime emozioni e i primi gesti di Claudia. Un’emozione unica. Mi è sembrato di rivivere gli stessi momenti vissuti con mio figlio. Ha ragione il papà, quando dice che Claudia sembra una neonata. Verissimo, i bambini devono imparare, mentre chi si sta riprendendo da questi incidenti deve ricordare quello che già sapeva.
Il percorso è ancora lungo, non ci si deve mai arrendere, nemmeno quando ci saranno quei momenti dove i miglioramenti sembrano arrestarsi.

Dipende molto dalla forza di volontà del paziente e dalla vicinanza della famiglia, perché questi ragazzi hanno bisogno di continui stimoli. Su questo non nutro alcun dubbio perché dagli articoli letti, ho avuto modo di capire che Claudia è attorniata da una famiglia meravigliosa.

Mio figlio dopo il primo anno di riabilitazione avrebbe dovuto passare il resto della sua vita in carrozzina, ora cammina con l’ausilio delle stampelle ed inizia ad acquisire l’equilibrio.

Questo per dire che non bisogna mai e poi mai perdere la speranza.

Forza Claudia, sono sicuro vincerai questa corsa che è la più lunga ed impervia della tua vita.

Forza mamma Laura e forza papà Beppe.

Grazie per lo spazio.

Ferretti Giuseppe
Pozzolo Formigaro (AL)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.