BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comitati aeroportuali dal Prefetto: “Status quo inaccettabile, sia regia della questione”

Due gli obiettivi esposti in via Tasso: "Lo stop alla crescita con una definizione inequivocabile dei limiti di sviluppo e l'istituzione di un tavolo permanente presieduto dal Prefetto, aperto anche ai comitati".

Dopo l’incontro con i sindaci, il Prefetto di Bergamo Elisabetta Margiacchi ha incontrato anche il coordinamento dei comitati aeroportuali per discutere della tematica aeroportuale.

“Nel pomeriggio di venerdì 28 luglio il coordinamento dei comitati aeroportuali è stato ricevuto dal Prefetto Elisabetta Margiacchi per discutere dell’attualissima tematica aeroportuale.

L’incontro, svoltosi in un clima sereno e cordiale, è stata occasione preziosa per esporre molti dei problemi che assillano la vita di chi abita i dintorni del Caravaggio. Di tutto è stato preso nota perché se ne tenga conto nelle sedi opportune.

In particolare si è evidenziata la fatica del territorio a governare, regolare la presenza ingombrante del terzo scalo del Paese, ed a Sua Eccellenza è stato chiesto con calore di esercitare un ruolo di regia autorevole ed incalzante. Davanti all’impotenza della politica nel contenere e definire un’attività divenuta impetuosa Il Caravaggio pare un nuovo Saturno che mangia i suoi figli.

Il livello di guardia è stato ormai superato, tuttavia si è ribadita la determinata disponibilità del coordinamento dei comitati a lavorare per una vera compatibilità ambientale del nostro aeroporto.

Due obiettivi molto concreti e tangibili sono stati avanzati, uno storico e uno nuovo: lo stop alla crescita con una definizione inequivocabile dei limiti di sviluppo (il famoso tetto ai voli che invochiamo da anni) e l’istituzione di un tavolo permanente presieduto dal Prefetto, aperto anche ai comitati, che incalzi, stimoli i soggetti in campo e tenga monitorato lo stato dell’arte.

Non si è mancato di stigmatizzare il continuo balletto attorno alle strategie industriali, fatto più di costosi studi che di vere decisioni sulle partnership. L’auspicio è che una scelta venga assunta in tempi rapidi dando una concreta prospettiva di alleggerimento del traffico aereo, partendo da quello notturno.

O Sea o Save, Malpensa o Montichiari, ma tertium non datur. Lo status quo è inaccettabile.

Si è riscontrato un livello di consapevolezza elevato circa la situazione del Caravaggio, consapevolezza che ha trovato ampia conferma nelle testimonianze dei rappresentanti dei comitati presenti.

Sottolineando con forza come l’incontro di oggi (venerdì 28 luglio) sia il primo concesso dal Prefetto ai Comitati dal 2007, ringraziamo la Dottoressa Margiacchi e ne raccogliamo la sincera disponibilità ad occuparsi della questione (ovviamente nei limiti delle proprie prerogative) con speranza.

Sì, con speranza, il termine con cui sintetizziamo l’incontro di oggi.

Il coordinamento dei comitati aeroportuali di Bergamo, Seriate, Bagnatica, Grassobbio, Orio al Serio, Azzano San Paolo e Treviolo”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.