BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Minori sotto tutela, la Regione taglia i fondi; Gandi: “La Lombardia faccia come il Friuli e aiuti i Comuni”

Regione Lombardia taglia 500mila euro per i minori sotto tutela nel 2017

“Il problema maggiore da un punto di vista economico finanziario non è sul tema dei minori stranieri non accompagnati: il contraccolpo peggiore che registriamo in tema di minori sul bilancio è rappresentato dal mezzo milione di euro in meno che la Regione Lombardia ha deciso di non corrispondere più sui minori residenti sotto tutela. Non profughi o migranti economici, ma minori che risiedono nel nostro territorio: più di 500mila euro che dal 2016 al 2017 spariscono perché la Regione non li eroga più agli enti locali. Il primo interlocutore delle richieste che i consiglieri della Lega Nord presentano dovrebbe essere quindi l’attuale Presidente della Regione Lombardia”.

Così il viceSindaco e Assessore al Bilancio Sergio Gandi è intervenuto poco fa durante il Consiglio Comunale, denunciando il “buco” che la Regione Lombardia ha lasciato sui minori sotto tutela nella città di Bergamo e in tutti i Comuni della Lombardia. Il contributo infatti passa dai 660mila euro del 2016 ai 150 circa del 2017.

“La spesa dei minori sotto tutela – quindi per decisione e decreto del tribunale – è superiore, nel nostro bilancio, di oltre 500mila euro a quella per i minori stranieri non accompagnati. Invito quindi i consiglieri della Lega a chiedere alla Regione di fare quello che ha sempre fatto finora e che ora ha deciso di non fare più.”

Non solo ripristinare i fondi: Gandi chiede alla Regione di attivarsi come altre Regioni italiane già fanno per venire ulteriormente incontro ai Comuni sul tema dei minori sotto tutela.

“Lo Stato eroga un contributo di 45 euro al giorno per i minori che sono accolti: il nostro Comune sta cercando di ridurre il più possibile la spesa media al giorno per minore, portandola vicina al contributo statale. Le ultime convenzioni a Bergamo parlano di 55 euro al giorno, quindi il gap si è molto ridotto (pensiamo che a Trieste – per fare un esempio – le quote al giorno variano tra i 70 e i 100 euro al giorno). Alcune Regioni, come il Friuli Venezia Giulia, corrispondono addirittura la differenza che i Comuni sostengono rispetto ai contributi statali. Ritengo però che l’approccio ideologico dell’attuale amministrazione regionale e del vostro gruppo consiliare non vi consenta di riconoscere la necessità di contributi su questo tema e così viene meno un aiuto ai Comuni che meritoriamente si accollano un onere che dovrebbe gravare equamente su tutte le istituzioni.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.