BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dichiarazione redditi: l’ultima proroga che sa di beffa

Lo sfogo di un consulente del lavoro, Sergio Colombini, dopo una proroga sulla dichiarazione dei redditi che sa di beffa, anche per i tempi in cui è stata annunciata.

Lo sfogo di un consulente del lavoro, Sergio Colombini, dopo una proroga sulla dichiarazione dei redditi che sa di beffa, anche per i tempi in cui è stata annunciata.

Come si può commentare senza rabbia, delusione e vergogna l’ennesima proroga, assolutamente non necessaria e ridicola sia nella forma (un comunicato del Ministero) che nei tempi (l’annuncio dello spostamento del pagamento delle imposte senza maggiorazioni dal 30/6 al 20/7 è stato diramato con un comunicato il… 20 luglio Alle ore 15:50!!!!)?Liguco pensare che questa proroga servisse a qualche amico del ministro o di qualche ministeriale di peso.

Ci troviamo infatti di fronte all’ennesima proroga del versamento delle imposte che viene dopo quella annunciata dei 770 (al 2/10/2017) quando, ovviamente, la stragrandissima maggioranza delle dichiarazioni dei sostituti di imposta era già stata fatta in vista della scadenza del 31/7/2017. Una proroga che ha solo obiettivi antipatici per non dire odiosi: fare confusione per indurre in errore; costringere i professionisti a rifare decine se non centinaia e/o migliaia di deleghe già consegnate ai clienti che hanno scelto di iniziare a versare le imposte entro con effetto dal 31/7; mettere in difficoltà le software house che devono modificare i programmi…

Con la proroga tutto si ferma, tutto va rifatto, tutto va ricalcolato!!! E con beneficio per chi? Le casse dello stato, volutamente con la s minuscola visto chi lo rappresenta, ci rimettono; i professionisti, che devono nuovamente fare le notti per rifare deleghe, prospetti di versamento, mail ai clienti ecc… evidentemente ci rimettono in sonno e salute; i contribuenti che rischiano di sbagliare tra vecchie e nuove deleghe ci rimettono e se ciò dovesse succedere, l’efficiente stato cacciatore di errori, applicherà freddamente le sanzioni del caso senza se e senza ma!!!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.