BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parcheggio Fara e danni al patrimonio dell’umanità: l’assist dell’Unesco al Comune foto

E se il riconoscimento dell'Unesco alle Mura offrisse un assist a tutti coloro che fino a ieri dicevano che il parcheggio alla Fara è un'eredità non voluta né amata ma da cui non si può scappare?

E se il riconoscimento dell’Unesco alle Mura di Bergamo (e non solo quelle) offrisse un assist a tutti coloro – amministratori comunali – che fino a ieri dicevano che il parcheggio alla Fara è un’eredità non voluta né amata ma da cui non si può scappare?

Perché è vero: la decisione di non procedere a quanto a suo tempo determinato, firmato e definito potrebbe avviare una causa (dai tempi lunghissimi) di inadempienza nei confronti del Comune col rischio di dover pagare milioni di euro alla società convenzionata (la Bergamo parcheggi) per la costruzione del parking, sbancando di fatto le casse di Palazzo Frizzoni.

Ma è vero anche che dal 9 luglio scorso le carte sul tavolo sono cambiate. E quale giudice potrebbe mai dar torto a un ente che decide di non procedere con un intervento estremamente rischioso per quello che è un patrimonio dell’umanità?

Se fino a ieri, nonostante i crolli e i riconosciuti problemi statici, le possibilità di dover risarcire la ditta facevano pendere la bilancia un po’ più verso la società concessionaria, oggi la situazione potrebbe essersi ribaltata.

Per prima cosa c’è il plausibile pericolo di danni all’area della Rocca (che è parte della fortificazione appena ascesa agli onori del mondo) nel corso dei lavori, e poi chi garantisce che il via vai delle auto negli 8 piani del parcheggio interrato non comprometterà le Mura premiate?

Peraltro premiate dall’Unesco, ma non da sole, ricordiamolo: in un progetto che coinvolge altre 5 realtà i Italia e in Europa (Peschiera del Garda e Palmanova, Zara e Sebenico e Cattaro). È chiaro a tutti che se una di queste realtà perde o rovina il proprio tratto del gioiello difensivo veneziano, l’intero “pacchetto” viene cancellato dall’ambito riconoscimento.

Quindi un danno alle Mura di Bergamo sarebbe una sciagura per tutti i siti appena riconosciuti.

Se la sente Bergamo di rischiare?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.