BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uso del cellulare al volante: si rischiano fino a 6 mesi di sospensione della patente

È in arrivo la sospensione della patente già alla prima infrazione e raddoppio delle multe. Chi verrà trovato per la prima volta mentre usa il cellulare alla guida incappa in una sanzione che va da 322 a 1294 euro, per chi viene preso la seconda volta da 644 a 2588 euro.

La Commissione trasporti della Camera dei Deputati ha inserito un emendamento alle modifiche dell’articolo 173 del Codice della Strada che rende più dura la pena per chi guida mentre usa il cellulare.

È in arrivo la sospensione della patente già alla prima infrazione e raddoppio delle multe. Chi verrà trovato per la prima volta mentre usa il cellulare alla guida incappa in una sanzione che va da 322 a 1294 euro, per chi viene preso la seconda volta da 644 a 2588 euro.

Mentre la sospensione della patente poi diventa immediata: da 1 a 3 mesi per chi viene multato la 1ª volta, se recidivo si rischiano dai 2 ai 6 mesi, oltre alla decurtazione di 5 punti la prima volta e di dieci per le seguenti.

Era stato il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Riccardo Nencini, ha spianare la strada a questa modifica, ora nero su bianco. “Uno dei nodi più significativi – aveva annunciato Nencini – che il governo intende sciogliere per garantire maggiore sicurezza sulle strade”.

Michele Meta, presidente della stessa Commissione Trasporti della Camera dei deputati e relatore del testo, afferma: “Abbiamo ultimato l’esame degli articoli e degli emendamenti di una legge che ho ritenuto di presentare, alla luce delle diverse emergenze in tema di sicurezza stradale. Poche e urgenti modifiche al Codice della strada per contrastare gli incidenti e i comportamenti più rischiosi”.

“L’emendamento è stato appena presentato in un clima di piena condivisione, per affrontare e risolvere l’odiosa e pericolosa abitudine degli italiani di usare il telefono cellulare alla guida – continua Meta -. Il nuovo testo segnerà un cambio di rotta decisivo, rispetto alle blande e inefficaci disposizioni attualmente in vigore, a cominciare dalla sospensione della patente fino a tre mesi prevista già alla prima infrazione e dal raddoppio in caso di recidiva. Aumentano anche le sanzioni pecuniarie e la decurtazione di punti sulla patente, a corredo di una norma che ha l’intenzione di incidere in modo positivo sulle abitudini alla guida degli italiani”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.