BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uisp Bergamo

Informazione Pubblicitaria

“SportAntenne” Uisp, il rugby è senza frontiere

Prosegue, nella sua seconda tappa orobica, il progetto 'Rugby senza frontiere', nato dalla collaborazione tra il Comitato Territoriale di Bergamo UISP e la sua associata Asd "Cantiere dello Sport", nel quadro del progetto nazionale UISP “SportAntenne”.

Ospiti della ASD Rugby Dalmine alcuni rifugiati e richiedenti asilo della bergamasca che avevano espresso il loro interesse nei confronti dello sport del rugby: hanno così potuto cimentarsi di nuovo nella disciplina della palla ovale, dopo la positiva esperienza della prima tappa del progetto che li aveva visti protagonisti il 29 maggio 2017 ospiti della ASD Rugby Bergamo 1950 in via Presolana a Bergamo. Il Comitato Territoriale di Bergamo si é fatto promotore del progetto in quanto é parte del progetto nazionale UISP “SportAntenne – Prevenzione, Emersione e Mediazione per combattere le discriminazioni” finanziato da FAMI (Fondo Asilo Migrazione e Integrazione), in accordo con UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) e in collaborazione con SPRAR (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), servizio del Ministero dell’interno.

Il progetto ‘Rugby senza frontiere’ ha come obiettivo quello di promuovere il contrasto alle discriminazioni utilizzando il rugby e prevede una serie di open day rivolti a rifugiati e i richiedenti asilo presso le società di rugby vicine alle strutture in cui questi vengono ospitati (a Bergamo, Levate, Val Cavallina). Nella tappa di Dalmine sono stati coinvolti dieci rifugiati e richiedenti asilo e una dozzina di atleti del Rugby Dalmine (squadra che milita in serie C élite), oltre a Michele Pressiani (uno dei responsabili della ASD Cantiere dello Sport), agli operatori SPRAR e al referente della UISP locale Marco Gritti.

Dopo una parte di attivazione motoria due squadre si sono affrontate in una dinamica partita di rugby Touch, versione del rugby nella quale l’azione viene interrotta toccando, anziché placcando, colui che avanza con la palla. In modo analogo all’esperienza della partita di rugby TAG svolta a Bergamo, questa modalità semplificata del gioco ha permesso anche agli ospiti, neofiti del gioco, di cimentarsi in piena sicurezza dando sfoggio delle loro notevoli doti atletiche.

Dopo la partita si é svolto nella Club House del Rugby Dalmine il tradizionale “terzo tempo” che ha visto tutti i presenti riunirsi nella club house per mangiare, parlare delle azioni più avvincenti e stare insieme. Attraverso la collaborazione con i tecnici e i giocatori delle società sportive ospitanti, dopo il felice esordio del progetto iniziato a Bergamo e continuato a Dalmine, il programma prevede una nuova tappa in Val Cavallina presso le strutture della locale società di rugby.

Uisp - rugby senza frontiere

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.