BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sei giovane e cerchi casa? Se fai il volontario il Comune ti accontenta

Sarà data la possibilità di vivere presso la Casa della Carità della Parrocchia per un anno, e al posto del canone di locazione sarà richiesto di svolgere 10/12 ore settimanali di volontariato presso la comunità

Il Comune di Bonate Sotto (assessorato alle politiche sociali e giovanili), il Circolo Acli, la Parrocchia e la Cooperativa AEPER hanno deciso di rinnovare il progetto “Di casa in Casa”, per il quale saranno selezionati due giovani tra i 22 ed i 28 anni anche per il prossimo anno sociale.

Il progetto promuove il tema della cittadinanza giovanile su due fronti: come esperienza abitativa e di vita autonoma, e come servizio presso la comunità locale. Ai giovani sarà data la possibilità di vivere presso la Casa della Carità della Parrocchia di Bonate Sotto per un anno, e al posto del canone di locazione sarà loro richiesto di svolgere 10/12 ore settimanali di volontariato presso la comunità che li accoglie, oltre a un minimo contributo forfettario per la permanenza abitativa.

I giovani saranno coinvolti in dimensioni di servizio, prestando del tempo e svolgendo attività di volontariato, sperimentandosi al contempo in dimensioni abitative autonome, con l’accompagnamento ed il supporto di operatori professionali. In tal modo avranno la possibilità di diventare protagonisti, sperimentando e consolidando competenze trasversali utili alla costruzione del proprio futuro e la comunità locale beneficerà di azioni in surplus che ne migliorano la qualità della vita e del contesto.

Le attività previste saranno concordate con i volontari in base ai loro impegni di studio e lavorativi ed hanno tutte forte ricaduta sulla comunità, a titolo esemplificativo: biblioteca, spazi compiti primaria e secondaria di primo grado, spazio giovani, corsi di alfabetizzazione, servizi rivolti a persone disabili, ludoteca, presenza in oratorio, attività di custodia sociale sul territorio, piccole manutenzioni dei luoghi aggregativi comuni.

Durante tutta la durata del progetto, i giovani verranno supportati da una figura professionale della Cooperativa Aeper, che favorirà il loro inserimento nel territorio, li affiancherà nella gestione delle situazioni più delicate, li accompagnerà nella sperimentazione della vita in autonomia.

Le candidature saranno raccolte entro sabato 29 luglio inviando il proprio Curriculum Vitae unitamente ad una lettera di referenze all’indirizzo all’assessore Elisa Semperboni: elisasemp@gmail.com

I colloqui di svolgeranno entro la prima metà di settembre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.