BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La famiglia Foppapedretti lascia il Volley Bergamo: “Questo è il nostro ultimo anno”

L'annuncio di patron Bonetti: "Con un atto di responsabilità lo diciamo un anno prima, con la speranza che il titolo sportivo venga rilevato da altri imprenditori"

Foppapedretti-Volley Bergamo, il matrimonio è ai titoli di coda. Non si può parlare di fulmine a ciel sereno, anzi, piuttosto di una decisione ponderata e sofferta che era nell’aria da tempo. A dare l’annuncio è lo stesso Luciano Bonetti, storico patron del club rossoblù e presidente dell’azienda bergamasca: “La prossima stagione 2017-18 – comunica – sarà l’ultima targata Foppapedretti per il Volley Bergamo. Dopo un quarto di secolo di investimenti economici e impegno di energie in prima persona, l’azienda e la famiglia Foppapedretti hanno preso la decisione, sofferta, di non essere più per il futuro garanti di un’attività sportiva così importante, di riferimento per il nostro territorio e rispettosa dei risultati e della serietà acquisiti sul campo anno dopo anno”.

“Ce ne andiamo pensando di aver fatto più del nostro dovere – continua Bonetti -, la storia del supporto-sponsor sportivo ci insegna che 25 anni di sostegno superano sicuramente la media in questo sport. Queste sono le motivazioni che ci hanno convinto a porre fine al nostro impegno nel volley bergamasco a partire dalla stagione 2018-’19, pensando di fare un atto di responsabilità a dichiararlo un anno prima, proprio per dare il tempo di mettere a disposizione il titolo sportivo a chi vorrà con credibilità e serietà proporsi per la gestione diretta del Volley Bergamo”.

Bonetti torna poi agli ultimi difficilissimi tempi, quelli fatti di appelli caduti nel vuoto: “Da alcuni anni, con ripetute prese di posizione e inviti pubblici, abbiamo chiesto il sostegno di imprenditori che ci sostituissero nella gestione e proprietà della squadra o condividessero con noi tale sforzo aiutandoci a dare futuro e continuità a questa nostra visione sociale della pallavolo femminile bergamasca. Ogni anno – spiega – tanti contatti, ma nel carniere risultati senza garanzia di un futuro meno incerto, certamente non all’altezza di un sogno così importante e coinvolgente come quello immaginato da noi. Così, non è difficile intuirlo, non si può continuare, proprio perché con questi presupposti è impossibile lanciare una programmazione intelligente a medio-lungo termine e foriera di risultati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.