A Gandino torna la storica "corsa delle uova": sarà sfida Bosatelli-Piazzalunga - BergamoNews
L'evento

A Gandino torna la storica “corsa delle uova”: sarà sfida Bosatelli-Piazzalunga

Due gli sfidanti: uno ha il compito di percorrere di corsa il tratto di andata e ritorno tra Gandino e Fiorano al Serio; il secondo deve raccogliere una per una cento uova posizionate, con un metro di distanza l'una dall'altra, tra la fontana della piazza municipale e l'antica Chiesa di Santa Croce

Nel ricco week-end di “Gandino in Secula”, divertente e storica è la famosa “Corsa delle Uova”, le cui origini risiedono in una scommessa che, nel lontano 1931, vide protagonisti Renzo Archetti e Giovanni Bonazzi.

La manifestazione prenderà il via alle 20.30 della serata di venerdì 30 giugno e a contendersi il titolo di vincitore saranno due atleti: uno ha il compito di percorrere di corsa, per poco più di 11 km, il tratto di andata e ritorno tra Gandino e Fiorano al Serio; il secondo deve raccogliere una per una cento uova posizionate, con un metro di distanza l’una dall’altra, tra la fontana della piazza municipale e l’antica Chiesa di Santa Croce.

I partecipanti dell’edizione 2017 sono Oliviero Bosatelli, grande ultrarunner gandinese e detentore assoluto del record nella raccolta delle uova, e Marco Piazzalunga che nel 2015 aveva già vinto la Corsa delle Uova.

La folla, come tutti gli anni, si stringerà attorno a Piazza Vittorio Veneto dove, nella pavimentazione, sono incastonati i cubetti di marmo che segnalano le cento uova.

Al termine della gara verranno distribuite al pubblico uova sode e frittata; la festa continuerà con la Notte Bianca arricchita da diverse attrazioni e degustazioni.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it