BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviolo, Masper scrive a Gori: “Rotte da Orio da rivedere, peggiorano la situazione”

Il consigliere leghista del Comune di Treviolo e della Provincia di Bergamo pone l'accento su alcune questioni critiche che riguardano il suo territorio: "La decisione presa peggiora la condizione di alcune migliaia di persone che vivono nell'hinterland di Treviolo senza migliorare le condizioni dei residenti di Colognola".

“La invito a rivedere le sue decisioni che l’Enac ha fatto proprie anche contro il parere di quasi tutti gli altri Sindaci dell’intorno aeroportuale”: la sperimentazione delle nuove rotte da e per l’aeroporto di Orio al Serio non piace a Gianfranco Masper, consigliere di opposizione a Treviolo e consigliere provinciale in quota Lega Nord, che in una lettera datata 24 giugno ha manifestato il proprio disappunto al sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

“Nell’ormai lontano 15 dicembre 2014, quindi in tempi non sospetti, mi sono permesso di inviarle una lettera in qualità di consigliere comunale di Treviolo per evidenziarle i rischi derivanti dall’idea di sparpagliare i decolli e gli atterraggi degli aerei che gravitano su Treviolo – ha debuttato Masper – Mi ero preso la briga di scriverle in base all’esperienza acquisita negli anni precedenti in qualità di sindaco che aveva seguito fattivamente tutte le vicende aeroportuali pur non facendo parte della commissione aeroportuale alla quale venivo invitato come ‘auditore'”.

Il consigliere leghista ricorda come nell’occasione sottolineò come un tale provvedimento avrebbe solo aumentato “il numero delle persone che lamenteranno, con l’inevitabile riattivazione dei comitati locali”. 

“Non c’era bisogno di fare una sperimentazione sul campo per capire che la decisione presa non poteva far altro che peggiorare la condizione di alcune migliaia di persone che vivono nell’hinterland di Treviolo senza peraltro migliorare le condizioni dei residenti di Colognola – attacca Masper – Aldilà dei tecnicismi, infatti, che considerano maggiormente danneggiata la popolazione soggetta al rumore che supera i 60 decibel, nella realtà non è diverso il disagio percepito da chi deve convivere con il rumore indotto dagli aerei misurato poco sotto i 6o decibel. I fatti ora mia stanno dando ampiamente ragione. Si stanno lamentando tutti”.

“La soluzione adottata nel 2009 – continua Masper – che prevedeva il decollo ‘sopra’ il tratto autostradale fu presa perchè risultò essere la più significativa ed equa in quanto la percezione del rumore da parte della popolazione residente in queste zone risulta assolutamente simile a quella residente nelle fasce con decibel superiori. Il rumore percepito a terra non è quello medio,ma bensì quello puntuale prodotto dai velivoli che al momento del passaggio aumenta in modo esponenziale”. 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aris

    Come abitante di Colognola Sono d’ accordo con il Sig Masper. Da ieri la situazione è drammaticamente peggiorata su Colognola EST. Agli aerei che decollano ora si aggiungono quelli che atterrano a 70 mt dal suolo. Inquinamento acustico e ambientale insopportabile. Purtroppo Gori per accontentare qualcuno (Azzanella) sta scontentando una marea di gente in più. Ha toppato e si spera torni alla virata sull’ Autostrada in decollo soluzione chiaramente più opportuna e atterraggi da est.

    1. Scritto da raffa1970

      Come abitante di Bolgare, frazione Asnenga posso dire che è un gran caos, gli arei ci vengono fatti passare sopra le teste già alle quattro del mattino, e continuano per tutto il giorno, le virate che prima erano molto strette ora sono ampie e passano sopra tutta la frazione,( ospedale di calcinate compreso), mi chiedo dove sia la razio di queste rotte.
      Abbiamno costruito la casa ben lontano dall’areoporto e adesso ci vediamo coinvolti i questa storia, non è giusto spostare le rotte di quà e di là. E’ come se il percorso dell’alta velocità venisse spostato a seconda della creatività del sindaco di turno!! Occorre dare un tetto ai voli, definire i percorsi di salita e discesa (che non sono questi), basta CREATIVITA’!!!!!!