BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Datome a Bergamo, merito di Fabio: “Che sorpresa la sua risposta, pronto alla sfida” foto

Se Gigi Datome sabato 1 luglio sarà al "Pilo" lo si deve a un 25enne di Bonate Sotto che ha lanciato una sfida "social" al capitano della Nazionale.

Una scommessa lanciata su Twitter per gioco si è trasformata in un appuntamento da sogno a Bergamo con il capitano della Nazionale Italiana di basket: l’impresa l’ha firmata Fabio Viscardi, 25enne di Bonate Sotto, conosciuto con il nickname @Whiskastz per via della sua iniziativa che sabato 1 luglio, durante le finali del King of the Pilo porterà al campetto di via Rosolino Pilo Gigi Datome (LEGGI QUI)

Tutto era iniziato per scherzo, con un tweet indirizzato al giocatore del Fenerbahce: “Hey @GigiDatome, quanti retweet devo fare per far si che tu venga a giocare con la mia squadra per una partitella?”. La risposta del campione non si era fatta attendere: 10.000 la quota fissata, con l’invito ironico a coinvolgere anche il Papa per poter arrivare al traguardo.

Una meta che Fabio, impiegato in una multinazionale americana attiva nel settore automotive con sede a Pozzo d’Adda, ha raggiunto velocemente, sorprendendo il campione che aveva lanciato un nuovo guanto di sfida: “Caro Fabio, allenati. A luglio ti rompo il c…”.

Praticamente da sempre Fabio nel suo tempo libero gioca a basket: “Ho iniziato alle elementari a Mozzo – racconta – poi sono tornato a Bonate fino alla quinta superiore. Tre anni fa, dopo qualche anno di stop dovuti in primo luogo al fatto che a Bonate non c’erano squadre, sono approdato al Brembate Sopra CSI e non avrei potuto scegliere squadra migliore. Siamo un bel gruppo, ci supportiamo (e sopportiamo) a vicenda e i nostri sforzi sono sempre stati ripagati con l’approdo ai Playoff per tre anni di fila”.

Fabio, come come ti è venuta l’idea di “sfidare” in questo modo Datome?

A dire il vero ho preso spunto da un ragazzo americano che, sempre tramite Twitter, ha chiesto ad una grossa catena di fast food quanti retweet sarebbero stati necessari per un anno di fornitura gratis di alette di pollo fritte (10 milioni era la cifra da raggiungere): da lì una sera post allenamento mi sono detto “perché no? Tanto il peggio che possa capitarmi è non venire considerato”.

Avevi già contattato qualcuno per darti una mano o il grande eco social che ha avuto il tuo appello è stato tutta una sorpresa?

No non ho contattato nessuno, ma i ragazzi de “La Giornata Tipo” tra la creazione di hashtag e il passaparola hanno dato un enorme contributo.

Sei stato contattato in privato da Datome? Hai già avuto occasione di parlare con lui?

Sì, mi ha mandato dei messaggi tramite Twitter dove ha ammesso tra le altre cose di aver sottovalutato la potenza di internet, ci siamo scambiati due chiacchere e devo dire che la sconfitta l’ha presa molto bene!

Lui, tra l’altro, ha promesso di “darti una bella lezione” al campetto: sei pronto?

Ovviamente…no. Sono un “Minors” semplice, il mio allenamento consiste nell’aver guardato le Finals NBA, le finali della Serie A e adesso gli Europei femminili. Ma non vi preoccupate, sarò pronto.

Nonostante tutto avrebbe anche potuto ignorarti: ti ha sorpreso questo suo atteggiamento nei confronti di un tifoso qualunque?

Ho scelto Gigi perché da tempo lo seguo sui social e sapevo che è un tipo molto alla mano che non si lascia sfuggire l’occasione di rispondere ai fan. Ma comunque sì, è stata una gran sorpresa che tra tutti i possibili tweet indirizzati a lui abbia risposto proprio al mio.

Come ti stai preparando all’incontro?

Diciamo che conto di arrivare alla fine della partita con ancora un po’ di fiato in corpo, poi per il resto è un po’ come gli esami di maturità, non si studia all’ultimo secondo…oramai quel che è fatto è fatto.

Chi ti porterai al “Pilo” per la grande sfida? 

Ovviamente ci sarà la mia squadra, poi i miei amici, la mia famiglia e la mia ragazza Selene che è una grandissima tifosa di Datome: è stata lei a regalarmi la sua maglietta dei Boston Celtics. Poi spero che venga davvero molta gente dato che lo scopo dell’evento è raccogliere fondi per una buona causa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.