BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Carlo Pesenti lancia la sfida all’americana Neuberger nella scalata al Fondo Italiano

Italmobiliare, la cassaforte della famiglia Pesenti arricchita dall'eredità della cessione di Italcementi, ha deciso di affiancare il gruppo francese Tikehau in una joint venture paritetica per l'offerta d'acquisto per tutte le quote del Fondo Italiano d'investimento Sgr.

Più informazioni su

Italmobiliare, la cassaforte della famiglia Pesenti arricchita dall’eredità della cessione di Italcementi, ha deciso di affiancare il gruppo francese Tikehau in una joint venture paritetica per l’offerta d’acquisto per tutte le quote del Fondo Italiano d’investimento Sgr.

L’aiuto di Carlo Pesenti potrebbe quindi rivelarsi fondamentale nel dirimere la partita tra le due contrapposte offerte di Tikehau e di Neuberger, che ha recentemente ritoccato al rialzo la sua offerta portandola, esattamente come la concorrente, sui 300 milioni di euro.

È attesa una decisione da parte dei quotisti del Fondo Italiano, cioè la Cassa depositi e prestiti, in particolare, Intesa Sanpaolo e Unicredit.
Secondo fonti citate da Reuters, i sottoscrittori del fondo sarebbero orientati a prediligere la trattativa in esclusiva con la cordata Italmobiliare-Tikehau. La holding dei Pesenti sta puntando su una duplice strategia con investimenti diretti nel settore delle Pmi, sostenuti dai buyout del private equity Clessidra.
Ma la decisione finale è tutt’altro che scontata, al momento – infatti – Intesa Sanpaolo sembrerebbe decisa ad avallare l’offerta di Neurenberg, mentre Unicredit sarebbe propensa ad appoggiare la proposta della concorrente Tikehau.
Potrebbe, perciò, proprio essere l’intervento di Pesenti a cambiare gli equilibri chiudendo la partita in modo definitivo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.