BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviolo-Paladina, lavori in stand by: la Lega chiede risposte alla Provincia

Il Carroccio chiede di "conoscere lo stato dell'arte della progettazione, se il progetto tiene conto delle modifiche richieste da alcuni comuni e se è ipotizzabile definire il termine di partenza dei lavori"

Più informazioni su

La Treviolo-Paladina torna a far parlare di se. A chiedere chiarimenti è ancora una volta la Lega Nord Bergamo, attraverso un’interrogazione del capogruppo Gianfranco Masper: “Il gruppo Vitali, che ha rilevato la Fabiani Srl, sta completando la progettazione esecutiva sulla base del progetto definitivo. Uno step decisivo che va espletato entro la fine dell’anno. Questa la prima bella notizia cui se ne aggiunge un’altra. Secondo i bene informati la società sarebbe addirittura in anticipo sulla tabella di marcia e l’inizio effettivo dei lavori, con le ruspe in azione, avverrà ad inizio primavera”, si legge nel documento presentato.

“Successivamente – incalza Masper -, in risposta ad una nostra interrogazione del 27 gennaio 2017 avente pari oggetto, fu dichiarato che: In data 11/10/2016 è stato sottoscritto dal RUP un ordine di servizio alla società Fabiani srl per dare avvio alla progettazione esecutiva, da tale data iniziano i termini previsti dal contratto per dar corso alla progettazione ed esecuzione dell’opera e che la Provincia di Bergamo è intenzionata a proseguire con la realizzazione dell’opera integrando nel progetto esecutivo per quanto possibile le nuove necessità dei territori attraversati”.

Da alcune dichiarazioni rilasciate ai giornali si poteva quindi ipotizzare che i lavori avrebbero potuto iniziare nel mese di giugno 2017 e il posizionamento di alcuni new jersey lungo la carreggiata aveva convinto molti dell’imminenza dei lavori. “Visto il dilatarsi dei tempi – conclude Masper -, chiediamo di conoscere lo stato dell’arte della progettazione, se il progetto tiene conto delle modifiche richieste da alcuni comuni e se è ipotizzabile definire il termine di partenza dei lavori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mazzo84bg

    ma il parco dei colli non dice nulla in merito a questa modifica?
    che fine ha fatto il vincolo paesaggistico e ambientale?

    il ribassamento aveva anche come motivo di ridurre l’impatto di una strada a ridosso delle case e che divideva il parco dei colli dal centro abitato, oltre che in previsione di una futura galleria che avrebbe dovuto completare l’anello intorno a Bergamo. La provincia ben content adi risparmiare soldi ha subito accolto le richieste di questi due sindaci senza tener molto conto dei vari aspetti.

  2. Scritto da mazzo84bg

    assurdo poi che per la volontà di 2 persone (sindaci) e la mancanza di soldi della provincia (che cala le braghe e accetta le richieste) che un progetto portato avanti da anni venga cambiato a pochi giorni dal via.

    ma che fine ha fatto il vincolo paesaggistico? la trincea serviv aper ridurre l’impatto della strada sulle abitazioni vicine e sul Parco dei Colli. impattante sicuramente sarà una strada a 4 corsie (2 del provinciale e 2 per la strada di servizio) che passerà a pochi metri dalla case. perché allor aon prevedere una nuova strada più a ridosso del parco che non delle case?

    inoltre il fatto di non fare il ribassamento precluderà la possibilità in futuri di completare il famoso anello intorno a Bergamo.