Poste Italiane, è gara tra i portalettere per accaparrarsi gli scooter - BergamoNews
Cisl

Poste Italiane, è gara tra i portalettere per accaparrarsi gli scooter

Poste Italiane sempre più in basso: “Ora non riparano più i motorini”. Accusa di Slp Cisl: “i postini costretti a dividersi i mezzi”

“In Poste Italiane hanno “brevettato” lo scooter condiviso: i portalettere di molti uffici, infatti, non hanno a disposizione il motorino personale. Se il mezzo si rompe, la riparazione può diventare una condizione eterna….”.

Rossana Pepe, segretaria generale di Slp Cisl Bergamo, denuncia l’ennesimo grave disservizio di Poste Italiane.

“Oramai anche questa è diventata una carenza cronica e i motorini che si sono rotti durante questi mesi, o che per diversi motivi sono stati fermati perché non più sicuri, non vengono riparati e i lavoratori sono costretti a fare la staffetta con i colleghi per recapitare la corrispondenza. Oltre la mancanza di personale, quindi, arrivata a livelli preoccupanti, ora i pochi portalettere presenti devono anche dividersi i mezzi che sono rimasti integri” aggiunge Pepe.

Va da sé che i disservizi si moltiplicano e che la posta subisce ulteriori ritardi.

“Fino ad ora a nulla sono valsi solleciti e richieste di far riparare prima possibile auto e moto che non funzionano – conclude Pepe -. I postini, pur di riuscire a compiere il proprio giro in tempi compatibili con un servizio degno di un paese civile, non denunciano quando i mezzi non funzionano mettendo a rischio anche la propria incolumità. Un’azienda seria – conclude la sindacalista -non può continuare a ignorare criticità che non garantiscono lavoratori e servizi”.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it