BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ferruccio de Bortoli in ritardo all’incontro a Treviglio: “Scusate m’hanno fermato e ritirato la patente”

Disavventura nella serata di giovedì 15 giugno per il giornalista Ferruccio de Bortoli atteso a Treviglio per un incontro pubblico di presentazione del suo libro "Poteri forti (o quasi)"

Disavventura nella serata di giovedì 15 giugno per il giornalista Ferruccio de Bortoli atteso a Treviglio per un incontro pubblico di presentazione del suo libro Poteri forti (o quasi): “pizzicato” da una pattuglia per via dell’elevata velocità, si è visto ritirare la patente.

Il noto giornalista, già direttore del Corriere della Sera e del Sole 24 Ore, arrivato al Teatro Nuovo di Treviglio una ventina di minuti più tardi rispetto all’orario prefissato, si è subito scusato con il pubblico spiegando il motivo del ritardo tra gli applausi di conforto e sostegno da parte di un pubblico più che mai comprensivo.

Ferruccio de Bortoli non si è comunque scomposto e ha accolto l’inconveniente con l’eleganza che lo contraddistingue, ringraziando pubblicamente la moglie che l’ha sostituito alla guida della loro autovettura, consentendogli così di raggiungere quanto prima il luogo dell’evento, che è poi proseguito senza intoppi facendo registrare un’ottima affluenza di pubblico.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Opencoz

    Andava forte ma con stile…

  2. Scritto da sondibergamo

    Quindi il pubblico ha applaudito una persona che ha confessato di aver messo in atto un comportamento estremamente pericoloso.
    Proprio curiosi, i bergamaschi.
    Poi al prossimo incidente tutti a indignarsi e a invocare pene fisiche per i pirati della strada.