BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via ai lavori per il marciapiede in via Porta Dipinta: come cambia la viabilità

I lavori partiranno il 19 giugno e, strutturati in tre fasi, si protrarranno fino a inizio ottobre. Il costo complessivo dell’opera è di 200 mila euro

Al via i lavori di realizzazione di un nuovo marciapiede in via Porta Dipinta, dal tratto che costeggia l’area verde della Fara all’area prospiciente il complesso monumentale di Sant’Agostino. Si tratta di un intervento atteso da molto tempo e richiesto dall’allora Circoscrizione e cittadini di diversi anni.

I lavori partiranno il 19 giugno e, strutturati in tre fasi, si protrarranno fino a inizio ottobre. Il costo complessivo dell’opera è di 200 mila euro. Per tutta la durata dei lavori l’area sarà interessata a leggere modifiche della viabilità, tra cui il restringimento della carreggiata stradale, il limite di velocità a 30 km/h, il divieto di transito pedonale e di sosta veicolare nelle aree di cantiere.

L’intervento prevede la realizzazione di una nuova pavimentazione del marciapiede lungo la Fara al fine di mettere in sicurezza il percorso pedonale ed eliminare le barriere architettoniche. Saranno utilizzate lastre dello stesso materiale di quelle esistenti, sottoposte a trattamento invecchiante in modo da renderle il più possibile simili a quelle che attualmente si trovano sulla via. Si interverrà anche sui tratti danneggiati del marciapiede opposto e su quelli della carreggiata stradale, anche nei tratti compresi tra via Porta Dipinta e Porta Sant’Agostino.

“Si tratta di uno dei numerosi cantieri che insisterà sulle nostre strade nelle prossime settimane: – sottolinea l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – un cantiere per il quale prevediamo grandissima attenzione, visto che abbiamo già coinvolto la Soprintendenza e recepito suggerimenti e prescrizioni per svolgere al meglio i lavori in questo ambiente così delicato. Il marciapiede di via Porta Dipinta si trova in condizioni a tratti disastrose, con evidenti rischi per i tantissimi pedoni che percorrono una delle principali vie d’accesso a Bergamo Alta, così vicina alla sede dell’Università di Bergamo a Sant’Agostino. L’impegno e l’attenzione sulle pavimentazioni storiche sono massimi: in queste settimane saremo al lavoro su Piazza Carrara, piazza Cittadella, via Borgo Palazzo e via Nullo, rispettando acciottolati e pavimentazioni storiche e lavorando per rendere più bella e sicura la nostra città.”

Il rifacimento del marciapiede ha una duplice valenza: oltre alla messa in sicurezza per i pedoni, l’intervento prevede un leggero rialzo, in modo da dare maggiore agio alle sofore esistenti lungo la via. Negli ultimi tre anni questi alberi, piantati una quarantina di anni fa, sono stati sottoposti a un lavoro di attento monitoraggio: 9 delle 18 piante presentano rischi di cedimento elevati per via di problemi all’apparato radicale e funghi sulla corteccia e saranno quindi abbattute. Il Comune dovrà quindi sostituirle in autunno con lo stesso tipo di albero.

“L’abbattimento di un albero è sempre doloroso, ma in questa circostanza si rende necessario per evitare danni a cose o persone, soprattutto in vista dei temporali estivi: questi alberi sono infatti a rischio cedimento poiché malati, con problemi alle radici o pericolosamente inclinati” afferma l’Assessore all’ambiente Leyla Ciagà, “La buona notizia è che verranno sostituiti con esemplari della stessa specie tra l’autunno e l’inverno, periodo più consono a questa tipologia di lavori”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.