BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il miracolo di Christo per il lago d’Iseo lo certifica Airbnb: +237% di presenze foto

Tre su quattro sono stranieri. Viaggiatori dagli USA davanti ai francesi e britannici

Il turismo internazionale si consolida sul Sebino. A confermarlo sono i dati anticipati mercoledì 14 giugno da Airbnb: sono 904 gli annunci attualmente disponibili sul lago d’Iseo: solo nel 2015, se ne contavano 268. Una crescita del 237% che ha portato nell’ultimo anno gli arrivi tramite Airbnb a crescere del 78% raggiungendo quota 14.500 (erano stati 8.100 gli ospiti di case private nel periodo precedente). Sul podio delle località più accoglienti troviamo Iseo (62 annunci), Sale Marasino (52) e Montisola (48), seguite da Lovere-Castro (47), Sulzano (45), Marone (42), Sarnico (45), Pisogne (30), Paratico (27) e Parzanica (21).

Particolarmente significativa la durata media del soggiorno di 4 notti, più alta della media nazionale, e il numero medio di ospiti (3,7). Airbnb si conferma una piattaforma di visibilità per un pubblico internazionale: solo 1 ospite su 4 infatti è italiano. Fra le nazioni di provenienza dei viaggiatori spiccano i nordamericani, seguiti da francesi, britannici, tedeschi e australiani.

Christo 18 giugno

“L’area del lago d’Iseo rappresenta una zona da valorizzare per quanto riguarda la visibilità agli occhi del turista internazionale, che fa registrare tassi di crescita più alti rispetto alla media nazionale”, spiega Martina Albani, Regional Market Manager di Airbnb Italia. “Per questo profilo di viaggiatore cultura e tradizioni sono elementi importanti; gli stranieri apprezzano l’ospitalità degli host Airbnb tanto quanto il clima o il paesaggio, con prospettive interessanti per l’intero settore. Penso ad esempio a fenomeni di destagionalizzazione”.

“La modalità di accoglienza proposta da Airbnb presenta evidenti sinergie con la strategia dell’Amministrazione comunale di fare leva sull’ospitalità diffusa – ha commentato il sindaco di Montisola, Fiorello Turla -. Da noi ci sono attualmente circa 400 case sfitte. La valorizazzione in chiave turistica di questo patrimonio immobiliare costituisce un’opportunità per gli abitanti dell’isola oltre che un’occasione di ulteriore promozione del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.