L'allarme

L’ozono raggiunge livelli preoccupanti: si sconsiglia di uscire nelle ore più calde

Da mezzogiorno alle 16 è sconsigliato svolgere attività all'aperto, in particolare per anziani e bambini: un allarme che vale per tutta la provincia, scattato nella giornata di martedì 13 giugno dopo una settimana al limite.

“Si sconsiglia attività all’aperto nelle ore più calde”: il tweet del Comune di Bergamo lancia un allarme che vale per tutta la provincia, relativo alla concentrazione di ozono nell’aria.

Un dato che, secondo rilevazioni Arpa, si è impennato nella giornata di lunedì, dopo una settimana al limite della soglia di attenzione: bollino rosso nelle stazioni di Calusco, con una concentrazione di 243 µg/m³ (la soglia d’allarme è 240), e in quella cittadina di via Meucci con 248 µg/m³, bollino arancione a Osio Sotto e Bergamo-Goisis (203 µg/m³) e giallo a Casirate (129 µg/m³). 

Il consiglio di non svolgere attività all’aperto è rivolto a tutta la popolazione ma in particolare alle fasce deboli di anziani e bambini: da mezzogiorno alle 16 il picco del rischio.

 

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
leggi anche
ozono
Gregorelli, m5s
“Caro sindaco, invece di suggerire di non uscire, fai scelte anti-smog”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI