Pugni e calci alla convivente incinta: 33enne assolto, se la cava con una multa - BergamoNews
La sentenza

Pugni e calci alla convivente incinta: 33enne assolto, se la cava con una multa

Il giudice Magliacani nella mattinata di giovedì 8 giugno ha assolto perchè il fatto non sussiste un 33enne bergamasco dalle pesanti accuse di stalking, maltrattamenti e lesioni nei confronti dell'ex compagna, di 30 anni

L’episodio più grave risale a quattro anni fa: al culmine di una lite per la gelosia della sua allora convivente, incinta di un mese, l’avrebbe fatta inginocchiare di fronte alla vasca da bagno, le avrebbe messo la testa sott’acqua e la piastra per i capelli ancora calda sulla schiena.

Ma nemmeno questa scioccante ricostruzione è servita a convincere il giudice Massimiliano Magliacani, che nella mattinata di giovedì 8 giugno ha assolto perchè il fatto non sussiste un 33enne bergamasco dalle pesanti accuse di stalking, maltrattamenti e lesioni nei confronti dell’ex compagna, di 30 anni. L’uomo se l’è cavata con una multa di mille euro. Alla donna invece, parte civile al processo, andranno 1.600 euro di risarcimento per le lesioni riportate.

È stata proprio la vittima a ripercorrere in aula quei drammatici mesi di violenza da parte del partner, particolarmente irascibile, tanto da infervorarsi anche solo per una posata caduta a terra mentre era a tavola e iniziare così a lanciare piatti per la casa in cui la coppia viveva.

Un altro grave fatto risale all’agosto del 2013, quando il 33enne per dei documenti del veterinario del cane dimenticati dalla compagna sul tetto della sua automobile, l’aveva presa a pugni e calci, le aveva stretto il collo e le aveva fatto un occhio nero. Tutto documentato dai certificati del pronto soccorso in cui la vittima si era recata.

A convincere il giudice dell’innocenza dell’uomo, sono stati probabilmente anche i 67 bigliettini agli atti del processo, frasi romantiche scritti da lei a lui. Sono la prova, ha sostenuto il difensore dell’imputato, l’avvocato Viviana Rucci, che le accuse di stalking e maltrattamenti sono false.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it