BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mamma licenziata dopo il rientro dalla maternità, da venerdì torna in azienda

Reggiani Macchine di Grassobbio, Film Cgil: "Da venerdì la lavoratrice torna in azienda. Garantito lo stipendio precedente"

Più informazioni su

Si è conclusa con un lieto fine, dopo cinque ore di discussione tra lunedì 5 e martedì 6 giugno, la vicenda della lavoratrice rientrata dalla maternità lo scorso settembre e licenziata dopo 15 anni di attività alla Reggiani Macchine di Grassobbio. Moltissimi colleghi venerdì 26 maggio erano scesi in sciopero e in presidio per manifestarle tutta la loro solidarietà.

“Da venerdì 9 giugno la lavoratrice tornerà in azienda con la mansione di impiegata e con la garanzia del mantenimento dello stesso stipendio che percepiva prima della sospensione” ha spiegato poco fa Andrea Agazzi della FIOM-CGIL di Bergamo che ha tutelato la signora. “Siamo soddisfatti per aver ottenuto una ricollocazione che all’inizio sembrava impossibile. Il risultato è stato reso possibile dalla determinazione della lavoratrice, dal sostegno e dalla solidarietà che ha ricevuto da parte dei suoi colleghi di lavoro. Certo resta l’amarezza per un punto su cui l’azienda ha usato, fino all’ultimo, un’inspiegabile intransigenza: per giungere all’accordo la direzione ha preteso che la lavoratrice accettasse un demansionamento, un abbassamento del livello contrattuale (ma, appunto, non di quello salariale). L’azienda ha puntato i piedi per un aspetto solo formale, che dunque non avrà ripercussioni economiche, e che davvero poteva essere evitato, apparendo quasi un accanimento gratuito. Nell’accordo, comunque, è scritto che alla lavoratrice non si precluderà la possibilità di crescita professionale”.

“Finalmente ho riottenuto un posto di lavoro” ha commentato oggi la lavoratrice. “Per questo vorrei ringraziare tutti coloro che in modi diversi mi hanno fatto ottenere questo risultato: da chi ha preso in carico fin dall’inizio la procedura di licenziamento (il delegato FIOM), ai miei colleghi che, saputa la notizia, hanno scioperato compatti, a chi, venendo a conoscenza in altro modo del licenziamento, mi ha sostenuta. Un ringraziamento particolare va alla FIOM-CGIL, al sindacalista Andrea Agazzi e all’avvocato Giuseppe Cattalini. Penso che esistano, ora, le condizioni per riavviare fra tutte le parti coinvolte una collaborazione più serena”.

Oltre ad essere comparsa sulle principali testate giornalistiche nazionali, la vicenda ha attirato anche l’attenzione e ha suscitato la solidarietà del Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini.

Ricordiamo che la lavoratrice, senza alcun preavviso, dopo 15 anni di lavoro, aveva ricevuto la lettera di licenziamento martedì 23 maggio.
Nell’azienda lavorano 230 persone, di cui circa 130 impiegati: “È davvero difficile credere che, in una realtà così grande, si abbia difficoltà a ricollocare una lavoratrice” aveva detto, fin dall’inizio della vicenda, Agazzi. “Tra l’altro, nelle ultime settimane, la Reggiani ha organizzato un’iniziativa per valorizzare il ruolo delle donne in azienda: davvero un bel modo per rendere loro omaggio”.
Nel luglio del 2015 la Reggiani Macchine è stata acquisita dal Gruppo EFI. Negli ultimi mesi è stata completata la transizione tra vecchia e nuova proprietà.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.