BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Longuelo, gli ‘alluvionati’ alzano la voce: “Pronti a denunciare Palazzo Frizzoni” fotogallery video

I membri del Comitato: "Diffide continue, ora il Comune intervenga". L'Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla: "Stiamo facendo il possibile". E annuncia l'inizio dei lavori per la pulizia della roggia Curna

Si dicono “pronti a denunciare Palazzo Frizzoni”. I membri del Comitato Alluvionati di Longuelo, attraverso il proprio portavoce Gianluigi Passera, alzano la voce dopo l’ennesimo nubifragio che nella notte tra domenica 4 e lunedì 5 giugno ha causato danni e allagamenti nel quartiere cittadino.

Longuelo allagata

Il comitato si era costituito spontaneamente verso la fine del giugno 2016, quando un pesante nubifragio si era abbattuto allagando strade e garage: i danni furono ingenti, con il fiume di acqua mista a fango che aveva costretto agli straordinari vigili del fuoco e protezione civile (guarda qui). L’altra notte, per molti, il pensiero dev’essere tornato a quei momenti: ancora una volta la roggia nella zona di Astino non ha retto alle precipitazioni, riversando in strada un’impressionante quantità d’acqua. Colpita fortemente proprio via Longuelo e alcuni esercizi commerciali, tra cui una gastronomia e un negozio di arredamento. Disagi anche in via Mattioli.

Sulla zona, oramai da bollino rosso, il Comune di Bergamo ha da tempo puntato la lente d’ingrandimento, arrivando a stanziare 120mila euro per la progettazione di due maxi vasche di compensazione e per la pulizia della roggia Curna proprio per evitare allagamenti: l’opera, però, non dovrebbe essere pronta prima della prossima primavera e ancora una volta i fatti hanno dimostrato quanto sia fondamentale quel tipo di intervento.

La situazione rimane critica. E i cittadini che hanno lamentato i continui danni subiti ad ogni forte temporale tornano a sollecitare gli interventi di messa in sicurezza: “All’amministrazione non chiediamo nulla di particolare, se non di portare a termine quello che si è impegnata a fare – afferma il portavoce del comitato Gianluigi Passera -. È chiaro che se episodi del genere succederanno ancora valuteremo la possibilità di chiedere il risarcimento danni, anche alla luce delle continue diffide”.

Il riferimento è alla lettera che il Comitato aveva protocollato al Comune di Bergamo durante il mese di maggio, nella quale si diceva per iscritto che “nel malaugurato caso dovessero reiterarsi danni a persone e/o beni in occasione di ulteriori eventuali alluvioni riterremo l’amministrazione pienamente responsabile”. “Nei prossimi giorni – conclude Passera – verrà indetta un’assemblea tra i residenti per quantificare i danni dell’ultimo nubifragio e valutare le azioni da intraprendere”.

Intanto, sul fronte dell’amministrazione comunale di Bergamo, qualcosa si muove: “È stato affidato l’appalto per la progettazione di fattibilità della vasca da realizzare, da inserire nel piano delle opere pubbliche”, spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla. A realizzare la vasca sarà il Consorzio di Bonifica, che dovrà mettere in atto quanto previsto dalla convezione che vede coinvolto anche il Parco dei Colli. “Nei prossimi giorni – continua l’assessore – inizieranno i lavori per la pulizia della roggia Curna. Si tratta di rimuovere circa 2 metri di profondità di materiale per un totale di circa 5mila metri cubi. Non è la soluzione al problema, ma in caso di forti temporali la roggia riuscirà ad avere una portata d’acqua maggiore, evitando gli allagamenti nel quartiere. Come amministrazione – ha concluso – stiamo facendo il possibile, tenendo conto che gli enti coinvolti in questa fase d’intervento non sono pochi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.