BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Uisp Bergamo

Informazione Pubblicitaria

Una pista per le moto a Bergamo? La Uisp dice sì

Una pista per le moto in provincia di Bergamo è ormai indispensabile, vista la crescita esponenziale dei praticanti della disciplina sul territorio: la risposta affermativa proviene anche dalla Uisp Bergamo.

Più informazioni su

E’ pieno, senza se e senza ma, l’endorsement della Uisp di Bergamo alla proposta del sindaco del capoluogo, Giorgio Gori, che nei giorni scorsi ha lanciato la possibilità di realizzare un circuito in Valle Brembana, con il supporto del Cai: “Visto che il mercato dell’enduro è in forte crescita (circa 25 mila appassionati tra Italia, Austria, Germania e Svizzera) e manca però di destinazioni adeguate, è possibile immaginare di ampliare la pista di Dossena creando un circuito compatibile col contesto naturale, sicuro, controllato, con vari livelli di difficoltà? Si tratterebbe di un impianto unico nel nord Italia. E a sua voltaunitamente all’offerta culturale, gastronomica e termalepotrebbe contribuire alla specializzazione turistica e all’economia della Valle”, una parte dell’intervento del sindaco Gori pubblicato dall’edizione locale del Corriere della Sera.

Parole che il responsabile dell’attività per la Uisp di Bergamo, Angelo Maggioni, sottoscrive in pieno, andando anche oltre: “Si potrebbe progettare un circuito adatto non solo all’enduro, ma anche al cross. Basta uscire qualche chilometro fuori dalla provincia per trovare circuiti bellissimi, che ogni giorno richiamano tanti appassionati. A noi, a Bergamo, non manca nulla, visto che i praticanti sono tantissimi, costretti da tempo ad emigrare per poter aprire il gas”.

Il punto di vista della Uisp è privilegiato: sono ben 22 le società motociclistiche affiliate al Comitato territoriale di Bergamo, con i numeri in forte crescita. “La richiesta di uno spazio adeguato è fortissima, e i motivi sono tanti – prosegue Maggioni -. Una pista controllata garantirebbe condizioni ideali di sicurezza, e potrebbe fare da volano ad un’ulteriore crescita del settore. Visto che negli ultimi tempi si sono avvicinati alla disciplina anche tanti bambini e ragazzi, per loro poter correre su un circuito sarebbe davvero importante, con la possibilità di imparare e crescere con serenità e senza dover periodicamente “emigrare” nelle province vicine. Poter educare a una guida corretta i piccoli centauri in pista avrebbe anche un inevitabile riflesso positivo sul loro comportamento in strada”.

Se il progetto partirà, la Uisp è pronta a fare la propria parte: “La nostra esperienza sul campo potrebbe tornare utile a chi disegnerà il tracciato – conclude Maggioni -. Le istituzioni possono già sin da ora contare sulla nostra collaborazione. Si tratta, non dimentichiamolo, anche di un’iniziativa in grado di aumentare“.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da motoclub brembana presidente

    resto a vostra disposizione per esporvi ciò che abbiamo fatto in questi annidi duro ed oscuro lavoro, non per me personalmente, ma lo devo ai miei iscritti che per anni gratuitamente lavorano per il mantenimento del sito, spinti da passione ed amore per uno sport faticoso e per amore verso la nostra montagna.
    non trovo corretto “usarci” per operazioni di vago sentoree elettorale, con la speranza di essermi sbagliato attendo vostre notizie per publicare un articolo che sia il più corretto possibile.

  2. Scritto da motoclub brembana presidente

    buongiorno,
    sono il Presidente del Motoclub Brembana, fino a prova contraria unico interlocurore della pista di Dossena, che stiamo sviluppando dal 1994,lo sviluppo è stato supportato dalle amministrazioni comunali che si sono succedute negli anni ed una grossa mano ce l’ha data la Comunità Montana Valle Brembana che nel 2015 ci ha fatto avere un finanziamento regionale supportato da un cospiquo finanziamento di KTM Italia.
    mi sembra fuoriluogo non considerarci parte in causa.
    Dr. Franco Contenti