"Se non ti tocchi sei un coglione: slogan forte, utile a prevenire il tumore al testicolo" - BergamoNews
L'intervista

“Se non ti tocchi sei un coglione: slogan forte, utile a prevenire il tumore al testicolo”

Riccardo Galli, medico specialista dell’Unità Operativa di Urologia alla Clinica Castelli di Bergamo, lancia la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del tumore al testicolo.

“Se non ti tocchi, sei un coglione”: lo slogan, di sicuro impatto, ha lo scopo nobile di infrangere il tabù che permane attorno al tema della prevenzione del tumore al testicolo.

Un onere che si è assunta l’associazione Urologia e Solidarietà Onlus del presidente Luca Lamberti e dei suoi due soci Alessandro Piccinelli e Riccardo Galli, rispettivamente responsabile e medico specialista dell’Unità Operativa di Urologia alla Clinica Castelli di Bergamo: giovedì 25 maggio al Palacreberg grazie al concerto de Il Mito Newtrolls sono stati raccolti 15mila euro, devoluti interamente alla campagna informativa.

Una comunicazione che verrà condotta sui social network per arrivare dritta all’obiettivo di riferimento, i giovani tra i 20 e i 40 anni: ogni anno in Italia, sono duemila i nuovi casi di tumore al testicolo diagnosticato, una malattia rara ma che negli ultimi anni ha subito una crescita per mancanza di controllo. Una diagnosi precoce, tuttavia, può portare a una completa guarigione nel 95% dei casi.

Ne abbiamo parlato con il dottor Riccardo Galli:

 

leggi anche
  • L'intervista
    “Se non ti tocchi sei un coglione: slogan forte, utile a prevenire il tumore al testicolo”
    riccardo galli
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it