BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Leone Algisi è il nuovo presidente di Cna Bergamo

È Leone Algisi il nuovo presidente di CNA Bergamo. Algisi, 53 anni, restauratore, succede a Maria Teresa Azzola, che aveva rivestito l’incarico nei due precedenti mandati.

È Leone Algisi il nuovo presidente di CNA Bergamo. Algisi, 53 anni, restauratore, succede a Maria Teresa Azzola, che aveva rivestito l’incarico nei due precedenti mandati. Eletto anche il nuovo comitato di presidenza, composto da Norma Scandella (confermata), Tullio Lodetti, Franco Nicefori e Patrizio Ricci.

Gorle (Bg), 29 maggio 2017 – È Leone Algisi il nuovo presidente di CNA Bergamo. Algisi, 53 anni, restauratore ligneo, succede a Maria Teresa Azzola, che aveva ricoperto la carica nei due mandati precedenti, dal 2009 al 2013 e dal 2013 al 2017, e che, secondo statuto, non era più ricandidabile. Algisi era l’unico candidato in lizza ed è stato eletto all’unanimità dall’assemblea degli imprenditori associati, a cui hanno partecipato anche il segretario nazionale di CNA, Sergio Silvestrini, e il direttore di CNA Lombardia, Pino Vivace.

Rinnovato anche il comitato di presidenza: a eccezione di Norma Scandella, che è stata confermata al secondo mandato, fanno il loro ingresso Tullio Lodetti, imprenditore della comunicazione; Franco Nicefori, archivista, dirigente CNA di lungo corso (prima dell’attuale incarico era presidente di CNA servizi, la controllata di CNA Bergamo); e Patrizio ricci, autotrasportatore, presidente regionale uscente della FITA (il sindacato degli autotrasportatori di CNA).

Leone Algisi

L’elezione di Leone Algisi rappresenta una scelta di continuità nella governance e negli obiettivi dell’associazione, essendo egli stato membro della presidenza precedente, oltre che presidente regionale della categoria dei restauratori e attivo protagonista della vita associativa degli ultimi anni. “Sono molto onorato dell’incarico che mi avete affidato”, ha dichiarato Algisi al momento dell’elezione. “Ringrazio Maria Teresa Azzola per il lavoro fatto in questi anni. Tengo a dire che la mia presidenza non sarà quella di un uomo solo al comando: al contrario, mi avvarrò del supporto di tutta la presidenza, anche attraverso l’assegnazione di deleghe, perché l’esperienza di questi anni ci ha insegnato il valore del lavoro concertato”.

Leone Algisi

Algisi raccoglie il testimone lasciato da Azzola, la quale gli consegna, come lei stessa ha voluto ricordare nel suo discorso conclusivo, un’associazione forte: nonostante gli anni di terribile crisi, gli iscritti si sono mantenuti stabili intorno alle 4.000 unità; il portafoglio di servizi offerti alle imprese si è notevolmente accresciuto, puntando sulla consulenza personalizzata, la formazione continua attraverso corsi e seminari, l’internazionalizzazione e l’innovazione; sul piano sindacale e delle relazioni istituzionali, CNA ha corroborato la sua presenza nei tavoli territoriali in cui si decide la politica economica bergamasca, tra cui Imprese&Territorio, il gruppo di lavoro OCSE, Bergamo Sviluppo, il marchio dell’edilizia

Una settimana dedicata alle imprese
L’elezione del nuovo presidente è stato il momento conclusivo di una settimana di eventi dedicati alle imprese associate, ai quali hanno preso parte circa 300 imprenditori, e all’inaugurazione ufficiale della nuova sede di Gorle (operativa già dallo scorso autunno).
La settimana si era aperta con un importante convegno sull’impresa 4.0: tra gli altri appuntamenti più significativi si ricordano la presentazione del libro Workshock. La felicità è una scelta, di Richard Romagnoli, coach aziendale tra i più apprezzati in Italia; la serata per gli operatori della filiera edile sulla rivoluzione che sta cambiando il mondo dell’edilizia, con l’architetto Massimiliano mandarini, rappresentante del prestigioso Green Building Council Italia; ancora, “Imprese curiose – Know how aziendale: come lo difendi?”, un incontro con Roberto Bianco, avvocato e consulente aziendale, punto di riferimento in Italia in tema di difesa della proprietà industriale o intellettuale. In agenda appuntamenti anche per le imprese del restauro, dell’area benessere, dell’autotrasporto e degli odontotecnici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.