BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Immaginazione e tecnologia al Paleocapa: “Non guardate il passato, ma immaginate il futuro”

Nei giorni scorsi all’istituto P. Paleocapa, all’interno dell’Esperia Industrial Museum “TIME”, si è tenuta la festa degli ex allievi a cui hanno preso parte alcuni tra i maggiori imprenditori della bergamasca, ex alunni dell’istituto.

Nei giorni scorsi all’istituto Paleocapa, all’interno dell’Esperia Industrial Museum “TIME”, si è tenuta la festa degli ex allievi a cui hanno preso parte alcuni tra i maggiori imprenditori della Bergamasca, ex alunni dell’istituto.

paleocapa

Inaugurato il nuovo laboratorio donato da Gewiss “Building technology”.

“Non può esistere un’industria 4.0 se non esiste una scuola 4.0”, queste le parole con cui Alessandro Gigli,  presidente dell’associazione ex allievi, ha dato il via all’incontro, ponendo al centro del dibattito il ruolo fondamentale delle scuola.
Per spiegare ai ragazzi cosa si intenda per “Industria 4.0” ci hanno pensato alcune tra le migliori eccellenze imprenditoriali, come l’On. Dott. Stefano Quintarelli, uno dei fondatori di I.Net , il primo Internet Service Provider commerciale in Italia per il mercato professionale, il quale ha mostrato come i progressi della tecnologia, mutando le principali relazioni sociali ed economiche, amplino i mercati e contribuiscano a dar vita all’industria 4.0.

Accanto all’ On. E Dott. S. Quintarelli vi era l’On. Ing. Alberto Bombassei, Presidente di Brembo S.p.A., il quale verrà insignito nell’Automotive Hall of Fame il prossimo 20 luglio, che prendendo esempio dalla sua crescita professionale, ha voluto incitare i ragazzi a non soffermarsi sul passato, ma ad osservarlo per immaginare il futuro.

paleocapa

Alla festa ha partecipato anche Domenico Bosatelli, presidente di Gewiss s.p.a., il quale ha inaugurato il “Building Technology Lab”, Laboratorio scolastico donato da Gewiss in cui l’azienda mette a disposizione le proprie tecnologie agli studenti.

La scuola dunque deve insegnare ai ragazzi la cultura dell’innovazione, bisogna dare più spazio all’immaginazione e alle nuove tecnologie per dare vita al futuro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.