BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pirati dei Caraibi: Jack Sparrow è tornato, in tutto il suo “barcollante” splendore

La vendetta di Salazar ha già fatto breccia nel cuore degli appassionati della saga di Jack Sparrow: niente di nuovo, ma la fortuna di questo episodio è proprio il richiamo al passato.

Titolo: Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar
Regia: Joachim Rønning, Espen Sandberg
Attori: Johnny Depp, Orlando Bloom, Javier Bardem, Brenton Thwaites, Kaya Scodelario
Durata: 135 minuti
Giudizio: ****

A sei anni dall’uscita dell’ultimo episodio della saga, Oltre i confini del mare nel 2011, chi si sarebbe immaginato questo grande ritorno di uno dei format Disney più amati in assoluto da grandi e piccini? Eppure, è arrivato. E ha già fatto jackpot.

L’azione si apre con un ragazzino di appena 10 anni, Henry, che, con uno stratagemma, riesce a richiamare dal mare il vascello maledetto: l’Olandese Volante. A bordo trova Will Turner, interpretato da Orlando Bloom, che, costretto da una maledizione a restare per sempre sul fondo del mare, torna a galla per pochi minuti e vede per la prima volta quello che capiamo essere il figlio nato dalla storia d’amore con Elizabeth Swann, interpretata da Keira Knightley. E qui, al riaffiorare dei ricordi del primo capitolo, un po’ di emozione c’è. Henry, commosso, fa una promessa al padre: troverà il tridente di Poseidone e spezzerà la maledizione che lo lega all’Olandese Volante, liberandolo. Per farlo, gli serve l’aiuto del suo vecchio compagno di avventure, il Capitan Jack Sparrow.

Will, un po’ scettico, torna sul fondo del mare. A questo punto lo spettatore è impaziente, perché ancora non si è visto il personaggio chiave della vicenda; ma è proprio qui che fa la sua grande e spassosissima entrata.

In pieno stile “Jack Sparrow”, entra in scena Johnny Depp nell’esilarante tentativo di rapinare una banca, che non andrà esattamente come previsto, a causa di un pisolino fuori programma e di un goccio di rum di troppo. È sempre lui. Ubriaco, sporco e barcollante, esattamente come l’avevamo lasciato. E qui l’emozione si fa più forte. Parallelamente Henry, ormai adolescente, entra in contatto con il Capitano Salazar, interpretato da Javier Bardem, personaggio a metà tra la vita e la morte, il quale, avendo un conto in sospeso con Sparrow, ha intenzione di catturarlo per avere finalmente la sua vendetta. In seguito a una serie di peripezie, Henry riesce finalmente a trovare Jack e, mettendolo in guardia sull’arrivo di Salazar, gli propone di unirsi a lui. A questo punto si aggiunge alla squadra anche una donzella, Carina Smyth, che alla fine, attraverso la ricerca del tridente, troverà qualcosa di ben più prezioso. Inutile dire che tra Henry e Carina si percepisce subito della tenerezza, che sfocerà nel finale in qualcosa di più.

Tuttavia, sebbene rappresentino la “versione giovane” di Will e Elizabeth, i due, piatti e insipidi, non spiccano mai particolarmente come personaggi a sé, ma restano sempre in secondo piano. Il tutto si conclude poi con un finale dolcissimo, che riempie il cuore agli affezionati del format e rimette ogni cosa al suo posto, mentre Jack Sparrow, a bordo della sua amata Perla Nera, si allontana verso l’orizzonte alla ricerca di nuove avventure.

Insomma, alla fine la formula è sempre la stessa. Niente di nuovo. Tuttavia, sebbene possa sembrare che ci sia stato un riciclo non solo di sceneggiatura ma anche di personaggi, è proprio il richiamo al passato che ha garantito la fortuna di questo nuovo episodio. Johnny Depp, nell’ormai iconico ruolo di Jack Sparrow, ha stregato intere generazioni e, finché questo pirata ubriacone e donnaiolo avrà vita, i Pirati dei Caraibi continueranno a solcare gli schermi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.