Operazione Zingonia 4: cento carabinieri alla ricerca di armi e droga - BergamoNews
All'alba di giovedì

Operazione Zingonia 4: cento carabinieri alla ricerca di armi e droga

Alla ricerca di armi e droga nel condominio Anna di Ciserano

Dalle prime ore dell’alba di giovedì circa 100 carabinieri sono impegnati nell’ennesima massiccia attività di polizia giudiziaria pianificata ed in gestione alla Compagnia di Treviglio, comandata dal Capitano Davide Onofrio Papasodaro. Su delega della procura della Repubblica di Bergamo – sostituto procuratore Carmen Pugliese, i militari dell’Arma della Bassa Bergamasca, con il supporto operativo del Comando provinciale di Bergamo e l’assistenza specializzata del 2° Nucleo elicotteri di Orio al Serio, dei nuclei cinofili di Casatenovo e Orio al Serio per la ricerca di armi e droga), hanno eseguito decine di perquisizione locale e domiciliare negli appartamenti del condominio “Anna 3” di via Bologna a Ciserano. Un’intera area abitativa condominiale controllata e perquisita a tappeto per la ricerca di droga ed armi.

Alla vasta attività di polizia in questione, denominata convenzionalmente “Operazione Zingonia 4”, che ha come precedenti tre analoghi interventi svoltisi il 15 novembre 2016, il 26 gennaio 2017 ed il 9 marzo di quest’anno, stanno collaborando anche i Vigili del Fuoco di Bergamo, per quanto riguarda in particolare la rimozione di ostacoli, e alcune squadre della polizia localedi Ciserano per le attività di sicurezza secondaria e di viabilità.

L’intera zona è stata completamente chiusa e delimitata dai militari dell’Arma dei Carabinieri in assetto operativo.

Diversi i chili di droga sequestrati tra hashish, cocaina ed eroina. Una decina i clandestini rintracciati. In valutazione inoltre le posizioni di arresto.

Carabineri
Carabineri
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it