BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Jean Todt alla Brembo: “Questa azienda è ricchezza e orgoglio per l’Italia” fotogallery

L'ex ad della Ferrari a Curno per ricevere il "premio Ecclestone" e inaugurare il nuovo showroom della sezione sportiva: "Quest'anno non sarà un dominio Mercedes"

Sei mondiali piloti e sette campionati mondiali costruttori vinti in Ferrari, leggenda del Cavallino e del motorsport mondiale, presidente della FIA dal 2009, Jean Todt è stato premiato dal presidente della Brembo SPA Alberto Bombassei con il premio “Bernie Ecclestone” per la straordinaria carriera svolta finora, costellata di vittorie e scelte geniali .Todt ha inoltre inaugurato il nuovo showroom della sezione sportiva dell’azienda bergamasca, eccellenza mondiale da anni, attraverso il simbolico taglio del nastro.

Jean Todt in visita alla Brembo

La Brembo fornisce i propri freni a case automobilistiche come Porsche, BMW, Aston Martin, Pagani, Lamborghini e, ovviamente, Ferrari. Todt ha infatti vinto i mondiali in Rosso su monoposto dotate proprio di freni Brembo.

Todt ha espresso un commento sul Cavallino Rampante, sull’imprenditoria italiana e sulla stagione di F1 in corso: “La Ferrari è una grande azienda – ha commentato -, ma in Italia vi sono grandi tecnologie anche al di fuori del mondo automobilistico, che contribuiscono al wellness. Ci sono imprenditori come Bombassei, Alessandri e Della Valle che fanno la ricchezza e l’orgoglio del Paese. I tifosi Ferrari oggi mi hanno nel loro cuore, sono sempre emozionato quando vengo in Italia perché vedo amici, tifosi, gente che mi vuole tanto bene, anch’io provo questo sentimento. La parte più bella e sofferta della mia carriera è avvenuta proprio in Italia”.

“Quest’anno non si può parlare assolutamente di dominio Mercedes – ha continuato Todt – perché abbiamo un pilota in Rosso in testa alla classifica di 6 punti e nella classifica costruttori vi sono solo 8 punti di ritardo sulla Mercedes. Sarà una grande battaglia, basta vedere i primi tempi delle libere a Montecarlo. La Ferrari ha fatto un lavoro straordinario e mi devo complimentare con loro per questo. È ovvio che tutti vogliate vedere la Ferrari vincente, perché ciò avvenga serve prestazioni e affidabilità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.