BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Regione Lombardia, via libera alla clownterapia: porterà il sorriso negli ospedali

La Commissione regionale Sanità ha dato il via libera alla proposta di risoluzione per la promozione negli ospedali delle attività di clownterapia. Relatrice del provvedimento è la bergamasca Lara Magoni

Mercoledì 24 maggio la Commissione regionale Sanità ha dato il via libera alla proposta di risoluzione per la promozione negli ospedali delle attività di clownterapia. Relatrice del provvedimento è la bergamasca Lara Magoni, consigliere regionale del gruppo “Maroni Presidente”: “Sono soddisfatta – commenta Magoni – che la Commissione abbia approvato all’unanimità questa risoluzione che ha come obiettivi prioritari la valorizzare delle attività di clownterapia, in particolare all’interno delle strutture ospedaliere, l’istituzione di percorsi di formazione per i volontari che svolgono l’attività di clownterapia all’interno di enti e associazioni riconosciute e la predisposizione di un elenco di soggetti del Terzo Settore abilitati a svolgere interventi di questo tipo”. “L’approvazione di questa proposta di risoluzione vuole anche essere un giusto riconoscimento all’impegno delle associazioni che attraverso questa pratica regalano gioia e serenità ai bambini e agli adulti ricoverati negli ospedali. Attraverso l’emendamento che ho presentato – prosegue – chiediamo che le tante associazioni lombarde che si dedicano a questa terapia siano coinvolte attivamente attraverso la costituzione di un apposito tavolo per definire le azioni previste nella risoluzione”. “Con questo provvedimento Regione Lombardia intende intervenire concretamente per valorizzare e sostenere questa pratica, che alleggerisce il ricovero del paziente e facilita le cure ospedaliere. E’ infatti dimostrato che la clownterapia produce effetti benefici sui pazienti non solo sotto il profilo psicologico, ma anche dal punto di vista terapeutico e riabilitativo. Donare un sorriso tra le corsie degli ospedali è una piccola azione, ma può regalare grandi benefici soprattutto ai più piccoli. Il miglioramento dello stato d’animo di un paziente favorisce la guarigione o comunque supporta un percorso di degenza già di per sé complicato. Oggi – conclude il consigliere Magoni – per questa istituzione è un giorno importante, che mi piace dedicare soprattutto ai più piccoli che tra nasi rossi e trucchi di magia potranno vivere almeno un po’ più serenamente le proprie giornate”.

Soddisfatti anche gli esponenti del Movimento Cinque Stelle: “Sono ormai molti i volontari e i professionisti che, sulle orme di Patch Adams, cercano di portare un sorriso a bambini anche gravemente ammalati ricoverati nelle nostre pediatrie. Quello che potrebbe sembrare ad alcuni una cosa senza importanza, è invece per molti di questi piccoli pazienti un momento atteso che li aiuta a superare, supportando i medici, momenti molto dolorosi e difficili della loro malattia. È quindi indispensabile, vista la delicatezza del ruolo dei clown di corsia, regolamentare e garantire la serietà della formazione effettuata da questi meravigliosi volontari. Sono molte infatti le organizzazioni serissime e preparate che, da anni, operano in questo settore, ma purtroppo esistono anche associazioni molto meno serie che approfittano della sensibilità delle persone e della simpatia che un clown di corsia suscita sempre, per lucrare non facendo in realtà vere attività di corsia. Siamo quindi soddisfatti che sia stata approvata questa risoluzione alla cui stesura abbiamo partecipato attivamente”, commentano Dario Violi e Paola Macchi, consiglieri regionali del M5S Lombardia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.