BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Giro d’Italia riparte da Rovetta: l’entusiasmo dei bergamaschi fotogallery

Pubblico delle grandi occasioni per la partenza della sedicesima tappa in Val Seriana. Quintana è il favorito: "È una tappa fondamentale per la vittoria"

Pubblico delle grandi occasioni a Rovetta, che ha ospitato la sedicesima tappa del Giro d’Italia.

Sin dalle prime ore della mattinata di martedì 23 maggio un fiume tinto di rosa ha invaso le vie del piccolo centro seriano. Il pubblico ha atteso con particolare entusiasmo l’arrivo dei propri beniamini, che hanno distribuito autografi e fotografie: “Sono molto orgoglioso e onorato che il mio paese sia sede di tappa – ha spiegato il sindaco di Rovetta, Stefano Savoldelli -; un risultato importante per Rovetta, visto che non è la prima volta che ospitiamo la corsa rosa”.

Hanno preso poi la parola i grandi campioni di questo Giro, a partire dal favorito numero uno Nairo Quintana: “È un grande giorno, speriamo, insieme a tutta la squadra, di portare a casa un risultato importante”.

Restando sempre in Colombia, altro atleta molto carico in vista della gara è Fernando Gaviria: “L’auspicio è quello di arrivare al traguardo entro il tempo massimo”.

Fra gli uomini che martedì potrebbero andare in fuga, spicca il nome di Filippo Pozzato:”La tappa di oggi è una frazione adatta agli scalatori, ci proveranno gli uomini di classifica e noi cercheremo di salvarci nel miglior modo”.

Ultima stagione per il siciliano Paolo Tiralongo, bergamasco d’adozione, il quale porge i suoi calorosi saluti ai tifosi orobici: “Il mio obiettivo, inizialmente, era vincere; purtroppo sono caduto e punto ad arrivare a Milano. Saluto tutti i tifosi di Bergamo”.

A Rovetta la corsa ha riscosso un notevole successo, si può sperare in un arrivederci per l’anno prossimo? L’abbiamo chiesto a Mauro Vegni, direttore di Rcs, settore ciclismo: “Un’accoglienza importante, ma non è una sorpresa in quanto la provincia di Bergamo ha già ospitato in passato manifestazioni di questo calibro – ha spiegato -. Quanto all’anno prossimo, Bergamo rimane una delle province ciclistiche più importanti d’Italia; è un po’ prematuro dire se torneremo il prossimo anno, ma sicuramente faremo tappa in futuro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.