BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salute

Informazione Pubblicitaria

Humanitas Gavazzeni partecipa alla settimana mondiale della tiroide

Humanitas Gavazzeni aderisce alla settimana mondiale della tiroide in programma dal 21 al 27 maggio, promossa dalle Società scientifiche con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità. L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide.

Humanitas Gavazzeni aderisce alla settimana mondiale della tiroide in programma dal 21 al 27 maggio, promossa dalle Società scientifiche con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità. L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide.

La partecipazione di Humanitas Gavazzeni a questa iniziativa testimonia la forte attenzione dell’ospedale per le patologie tiroidee, così frequenti nel nostro territorio, tanto da aver attivato da qualche anno un Ambulatorio dedicato “Tiroide one day”  in cui, in una sola giornata, si possono effettuare tutti i test necessari allo screening della patologia tiroidea e, eventualmente, intervenire con il piano di approfondimenti e le cure necessarie. La dottoressa Rosa Miranda Testa, endocrinologa, è responsabile dell’Ambulatorio.

Da domenica 21 a mercoledì 31 maggio, le persone interessate potranno indirizzare via mail domande, dubbi o perplessità ai medici endocrinologi di Humanitas Gavazzeni, scrivendo all’indirizzo:  settimanadellatiroide@gavazzeni.it

È importante che, prima di formulare il quesito, si legga l’informativa privacy riportata sul sito www.humanitasgavazzeni.it e si indichi nella mail di acconsentire al trattamento dei dati personali.

 

PER SAPERNE DI PIU’

La tiroide che cosa è

La tiroide ha la forma di una farfalla ed è fondamentale per modulare il metabolismo e regolare il consumo delle sostanze necessarie al buon funzionamento del nostro corpo.

Sapere se funziona bene è semplice: basta un esame del sangue che permetta il dosaggio degli ormoni tiroidei e del TSH. Gli ormoni prodotti dalla tiroide, attraverso la circolazione sanguigna, arrivano a tutti gli organi e, in ciascuno, svolgono funzioni importanti interagendo con altri ormoni o sostanze chimiche, a volte in maniera molto complessa. Un suo mal funzionamento non causa quindi solo un calo o un aumento del peso corporeo, come comunemente si crede, ma uno sconvolgimento metabolico che, se non curato, può avere gravi conseguenze sul cuore, sul sistema nervoso, sulla termoregolamentazione, su cute, muscoli e sistema adiposo. La tiroide può anche essere sede di tumori benigni o maligni e per individuarli è fondamentale eseguire l’ecografia.

Le principali patologie

Le malattie della tiroide consistono in alterazioni della sua funzione, come l’ipotiroidismo (riduzione degli ormoni tiroidei circolanti) e l’ipertiroidismo (incremento degli ormoni tiroidei circolanti), oppure in alterazioni della ghiandola stessa, legate per lo più alla formazione di noduli al suo interno, di solito di natura benigna. Anche il carcinoma della tiroide si manifesta solitamente come un nodulo, la cui natura è esplorabile mediante un esame ecografico eseguito da mani esperte. È quindi importante che l’ecografia sia eseguita da medici specializzati nella diagnosi e cura della patologia tiroidea perché, come sempre, anche in questo ambito, la diagnosi precoce è essenziale per la guarigione del paziente oncologico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.