BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Un altro modo di stare in Rete è possibile”: i giovani a lezione con Condivido

Parole O_Stili è la prima community in Italia contro la violenza nelle parole ed ora nasce “Condivido - Il Manifesto della comunicazione non ostile nelle scuole”, il progetto educativo rivolto a genitori, docenti e giovani studenti della scuola secondaria per promuovere l’utilizzo di linguaggi non ostili in Rete

“Questo evento nasce dal desiderio di mostrare ai giovani che un altro modo di stare in Rete è possibile. Perché ci sia un vero cambiamento è importante proporre dei modelli positivi, anche con leggerezza, come proveremo a fare noi con il contributo di tutti i partner e i personaggi pubblici che credono in questo progetto. La diffusione che ha avuto il Manifesto nelle sue prime settimane di vita dimostra che c’è una grande voglia di reagire ai linguaggi ostili che inquinano le relazioni e la Rete”. 

Così afferma Rosy Russo, ideatrice di Parole O_Stili, presentando il nuovo progetto educativo:  “Condivido – Il Manifesto della comunicazione non ostile nelle scuole”. Il progetto sarà presentato il 15 maggio dalle 10.00 alle 11.45 a Milano all’UniCredit Pavilion, nel corso di un evento gratuito rivolto a docenti e studenti delle scuole superiori.

L’iniziativa è realizzata in partnership con MIUR, Università Cattolica del Sacro Cuore, UniCredit, Gruppo Newton e Spaziouau per contrastare l’utilizzo e la diffusione di linguaggi ostili. L’evento si svolgerà in contemporanea tra l’UniCredit Pavilion di Milano, la Stazione Marittima di Trieste, l’Auditorium Gervasio di Matera e la Fiera di Cagliari grazie al supporto di Fondazione Matera 2019, Regione Friuli-Venezia Giulia e Regione Autonoma della Sardegna.

Al centro dell’evento ci sarà il Manifesto della comunicazione non ostile, una carta che raccoglie i 10 princìpi proposti e votati dalla Rete negli scorsi mesi per ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano in Rete. La carta, che è stata presentata lo scorso febbraio alla presenza di Gianni Morandi e della Presidente della Camera Laura Boldrini e di oltre 500 giornalisti, manager, politici, docenti, comunicatori e influencer, è stata subito adottata in molte scuole italiane da docenti e genitori.

Un virus positivo che il Ministero dell’Istruzione vuole alimentare inviando nelle scuole una comunicazione ufficiale in cui promuove l’iniziativa “Condivido” quale “progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza in Rete per coinvolgere studenti e docenti su un tema importante e attuale” e partecipando attivamente all’evento grazie alla partecipazione della Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli.

Ospiti anche tanti personaggi pubblici che hanno scelto di intervenire contro la violenza nelle parole, tra cui l’attore Paolo Ruffini, la cantante Chiara, uno dei calciatori della rosa dell’AC Milan, il sito satirico Lercio, rappresentato da Andrea Sesta, e il direttore di Fanpage Francesco Piccinini. L’evento sarà trasmesso in diretta streaming.

Per assistere alla diretta streaming gratuita, i docenti dovranno registrare la propria classe sul sito web dell’iniziativa (www.paroleostili.com/condivido).

Durante la diretta sarà chiesto ai partecipanti di interagire in tempo reale con i relatori, attraverso una Web App creata “ad hoc”, i dettagli verranno indicati dall’organizzatore in prossimità dell’evento. Per introdurre l’argomento e preparare gli studenti all’incontro, i docenti potranno inoltre scaricare dal sito web di Parole O_Stili alcuni materiali didattici utili a sviluppare un dibattito durante le lezione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.