BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuova sede per la cooperativa Koinè a Villa d’Almè

Accogliente, capiente e funzionale: l'inaugurazione si terrà sabato 13 maggio.

Accogliente, capiente e funzionale. Ha spazi ampi e adeguati per svolgere al meglio le proprie attività la nuova sede della cooperativa sociale Koinè di Villa d’Almè, realtà che si occupa di inserimenti lavorativi.

L’inaugurazione si terrà sabato 13 maggio alle 15 e sarà coordinata dal presidente delle Acli di Villa d’Almè Maurizio Mazzocchi. Interverranno: Oliviero Rota, presidente di Koinè; Manuel Preda, sindaco di Villa d’Almé; Marco Ghisalberti, amministratore delegato di Rulmeca Spa; Aldo Colombi, presidente e amministratore delegato della Schneider Electric Italia; Daniele Rocchetti, presidente provinciale delle Acli di Bergamo; Giuseppe Guerini, presidente di Confcooperative Bergamo, Carlo Vimercati, presidente della Fondazione Comunità Bergamasca; e la deputata Elena Carnevali, componente della commissione permanente XII Affari sociali.
A seguire, alle 17 sarà possibile effettuare una visita guidata della Koiné mentre alle 18 verrà celebrata una messa da don Cristiano Re. Infine, alle 19 conclusione conviviale con buffet.

La decisione di acquisire una nuova sede si è resa necessaria per gli attuali volumi di lavoro e consentirà di dare lavoro a un numero maggiore di soggetti svantaggiati.
Koinè fa parte di una rete di cooperative che hanno condiviso territorio, genesi, appartenenza all’Acli e quella al consorzio Ribes.

La prima a nascere è Lavorare Insieme, una cooperativa sociale che si occupa di servizi per persone diversamente abili, nata ad Almè trentadue anni fa, dalle famiglie e per le famiglie, che, con il sostegno di parrocchie, Comuni, Acli, Caritas, Anffas e volontariato locale, cercavano attività da far fare ai loro figli disabili al termine del percorso scolastico.
Attualmente opera con circa 500 famiglie, occupando 340 dipendenti di cui 83% con contratti a tempo indeterminato. Questa organizzazione negli anni ha contribuito in maniera decisiva a far nascere nuove realtà cooperative e associative per moltiplicare l’offerta di opportunità e servizi. Tra queste c’è proprio Koinè.

Koinè una cooperativa sociale finalizzata all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, che nasce nel 1993 in seguito alla legge 381 del 1991 che disciplina le cooperative sociali: con la distinzione tra cooperative di tipo A, che offrono servizi, e di tipo B, che offrono inserimenti al lavoro, “Lavorare Insieme” continua a offrire servizi educativi e socio-sanitari, e aiuta a fondare la cooperativa Koinè, cui viene affidato in toto l’attività di inserimento al lavoro.
Svolgendo principalmente assemblaggio per conto di terzi, dà lavoro a 45 persone, di cui 23 – più della metà – svantaggiate. Koinè crede al lavoro come strumento riabilitativo e d’integrazione sociale, perché attraverso il lavoro la persona acquista dignità e consapevolezza di sé e del proprio ruolo nella società. Il lavoro è anche un mezzo importante per il superamento di situazioni di emarginazione, nonché di aiuto allo sviluppo dell’autonomia della persona.

Il Consorzio La Cascina è stato costituito da realtà associative e della cooperazione sociale con il fine di progettare e gestire servizi e attività di carattere residenziale e semiresidenziale a favore delle persone con disabilità fisica e intellettiva, per fornire risposte abitative e residenziali a persone adulte con disabilità. Ci si era infatti resi conto che non bastava più offrire servizi solamente durante il giorno, ma che alcune persone necessitavano di un servizio più completo: una casa in cui vivere.
Oggi conta ben quattro servizi di residenzialità, due a Villa d’Almè, una ad Almè, e una a Torre Boldone, e dalla decina di ospiti iniziali oggi ne ospita 38.

Cascina

Nel 2002, partendo dal vigneto presente sul terreno di Cascina, si dà vita a una nuova cooperativa di inserimento lavorativo, Oikos, che si occupa di manutenzione del verde anche attraverso il tree climbing, di pulizie, e di produzione di vino.

Il vino di Oikos

Le quattro cooperative vogliono essere una presenza viva e aperta all’interno delle comunità locali nelle quali operano e abitano, con l’intento di costruire legami sociali e relazionali grazie ai quali le persone svantaggiate possano crescere, esprimersi e trovare la propria felicità e realizzazione. Inoltre, le cooperative operano non solo per dare risposta a bisogni individualizzati delle persone disabili e delle loro famiglie, ma anche per diffondere un modello culturale e sociale di inclusione delle persone disabili nella società.

La nuova sede della cooperativa è a Villa d’Almé in via fratelli Calvi, 9. Per avere ulteriori informazioni consultare il sito internet www.koine.coop

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.