BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Discarica di cemento-amianto all’ex cava Vailata: Treviglio fa ricorso al Tar

La Giunta comunale ha scelto di affidare a un avvocato l'intera procedura per presentare ufficiale ricorso al Tar in merito all'Autorizzazione Integrata Ambientale sulla realizzazione della discarica nell'ex cava trevigliese.

Alla fine la tanto temuta firma da parte del dirigente regionale del settore ambiente è arrivata, l’AIA – Autorizzazione Integrata Ambientale – viene così approvata dando di fatto il via all’iter che porterà presumibilmente alla realizzazione, da parte della società TeAm, della discarica di cemento – amianto nell’area dell’ex Cava Vailata a Treviglio.

Dopo diverse vicissitudini e incontri ai tavoli dalla Regione ecco che arriva anche l’ultimo tassello necessario per l’avvio dell’opera. Avvio solo teorico, dato che prima dell’inizio effettivo dei lavori per la realizzazione di questa area di raccolta dovranno per forza di cose essere effettuate delle operazioni di bonifica sull’intera zona interessata, periodo di transizione nel quale l’amministrazione comunale trevigliese, da sempre ostile alla creazione di tale allestimento, presenterà formale ricorso al Tar – Tribunale Amministrativo Regionale – nel tentativo ultimo di impedire che questa opera veda luce sul suolo cittadino.

Nella giornata di mercoledì 10 maggio è infatti arrivata la decisione presa in sede di giunta comunale da parte dell’amministrazione trevigliese di affidare al milanese Leonardo Salvemini, avvocato specializzato in questo tipo di cause, l’intera procedura per presentare ufficiale ricorso al TAR in merito all’AIA da poco firmata in Regione, provvedimento questo che era già nell’aria da tempo ma che si è concretizzato ufficialmente solo ora.

“Il decreto è del 27 aprile 2017 e a noi è stato comunicato con PEC il 2 maggio – afferma il primo cittadino di Treviglio Juri Imeri – è per quello che abbiamo temporeggiato e valutato con l’avvocatura, decidendo poi di portare questa delibera di giunta che da mandato di presentare ricorso al TAR per quanto riguarda l’AIA”.

Sulle azioni intraprese dell’amministrazione aggiunge: “Voglio sfidare chiunque a dire che noi non abbiamo fatto il massimo per evitare che venga realizzato questo progetto perchè bisogna anche riconoscere che l’amministrazione di Treviglio ha fatto tutto quello che poteva per evitarlo, di positivo c’è l’iter della bonifica di mezzo che comunque sposta un po’ in là l’arco temporale”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.