BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bando per lo stadio, quella seconda busta sorprende? È la legge di mercato

Dimostra che il bando non è stato scritto a misura di una sola squadra di calcio.

Sembra aver sorpreso tutti la presentazione della proposta di acquisto dello stadio di Bergamo da parte del patron dell’AlbinoLeffe Andreoletti. Una sorpresa che ha aperto due fronti, come un vero derby calcistico.

Eppure quella seconda busta raccoglie qualcosa di più di una proposta di acquisto. Per prima cosa smentisce chi sosteneva che il bando fosse scritto a misura di una sola squadra di calcio. Poi dimostra che il prezzo è appetibile anche per altre società, anche se i ricorsi al Tar pare vertano proprio sulla clausola che chiede la completa ristrutturazione entro sei anni dall’acquisto. Infine, l’AlbinoLeffe con la sua proposta entra in gioco e c’è nel caso in cui, per vizi di forma il bando venisse annullato: partecipando a questa prima fase entra concretamente in campo per la concessione d’uso o la vendita dello stadio.

E non va dimenticato che nella busta presentata lunedì a Palazzo Uffici del Comune di Bergamo erano contenuti assegni di un importo pari al 20% della proposta di acquisto. Quindi, se il prezzo d’asta è di 7 milioni e 826 mila euro, lunedì sono stati depositati assegni di circa 1,5 milioni di euro. No stiamo parlando di bruscolini.

Un ultimo dettaglio: nel bando è richiesto il deposito entro sei mesi del progetto di riqualificazione dello stadio. Con tutto ciò che questo comporta. Ci sono parti dell’Atleti Azzurri d’Italia per dirne una soggette a vincoli urbanistici e delle belle arti, essendo l’edificio risalente a prima del 1928. Quindi disegnare un progetto è un vero e proprio lavoro.

Insomma, due offerte non significano solo un tentativo aleatorio di intralcio a chi veniva dato per monopolista e unico competitor.

Che ci siano più offerte per lo stadio, è una cosa positiva: è il segno di una pluralità di soggetti veri e concreti sul mercato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.