BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il 9 maggio 1978 l’omicidio di Aldo Moro: fu un delitto, non la difesa di una dottrina

Aldo Moro, le Br, lo Stato: abbiamo messo a confronto i ricordi, le emozioni, il punto di vista di un giovane come Marco Cangelli su Bgy con quello di storico come Marco Cimmino, su Bergamonews

Il 9 maggio di 39 anni fa perdeva la vita dopo 55 giorni di sequestro l’onorevole della Democrazia Cristiana Aldo Moro, uomo lungimirante e vero promotore del compromesso storico. Abbiamo messo a confronto i ricordi, le emozioni, il punto di vista di un giovane come Marco Cangelli su Bgy con quello di storico come Marco Cimmino, su Bergamonews : leggilo qui

Correva l’anno 1978 e l’Italia era nel bel mezzo della guerra fredda, strozzata fra il blocco americano e quello russo, quando il presidente della DC e l’onorevole del Partito Comunista Italiano Enrico Berlinguer decisero di stringere una reciproca collaborazione che passerà alla storia come “compromesso storico”. Troppo per gli USA di Carter, troppo per la Russia di Breznev, troppo per le Brigate Rosse che, tradite dal leader del partito a cui erano legate, il 16 marzo rapirono Moro in via Fano per tenerlo prigioniero per 55 giorni nel loro covo in via Montalcini, a Roma, prima di giustiziarlo ed abbandonarlo in una Renault 4 rossa in via Caetani il 9 maggio.

Una delle più cruenti stragi quella di via Fani, dove a perdere la vita furono 5 agenti della scorta di Moro, un omicidio efferato quello di Moro, ma tutto ciò non bastò per far scendere a compromessi uno stato pronto a tutto. Questo fatto passò alla storia come una delle più grandi vittorie della democrazia italiana contro il terrorismo che imperversa all’epoca, in realtà questa fu una sconfitta per tutti.

Una sconfitta per lo Stato, che non fu in grado di salvare uno dei suoi più illustri statisti, preferendo la sua morte alla liberazione di un terrorista; una sconfitta per le Brigate Rosse, che dopo questo omicidio “non preventivato” persero immediatamente consensi e non riuscirono a distruggere quel patto da loro tanto odiato. Inutile fu la politica irreprensibile del Governo firmato Giulio Andreotti e Francesco Cossiga, vista la legittimazione di papa Paolo VI e del segretario generale delle Nazioni Unite Kurt Waldheim verso i terroristi rossi durante i loro appelli; tanto quanto il sequestro delle BR con il segretario della Cgil Luciano Lama acclamato da migliaia di lavoratori mentre in piazza condannava l’azione dei terroristi definendoli “un piccolo gruppo di assassini che attenta le basi della democrazia”.

A perdere maggiormente in questo caso fu quella generazione che aveva creduto nel presidente e nei suoi ideali, che aveva creduto nell’Italia del dialogo e della fine della lotta fra partiti, ma che si dissolse di fronte alla perdita del loro mentore.

“Uccidere un uomo non è difendere una dottrina, è uccidere un uomo” tuonava il teologo francese Sebastiano Castellione nel Cinquecento e l’omicidio Moro non è stato altro che un omicidio. Nessuna scusa giustifica l’uccisione di un uomo che tanto bene ha fatto per lo Stato, tutti complici per una morte che si poteva evitare, dal ministro degli Interni che ha fatto orecchi da mercante alle continue richieste di intervento da parte della polizia; alla procura di Roma, che ha insabbiato le numerose prove che inchiodavano i servizi segreti deviati e gli uomini dell’Operazione Gladio.

Il 9 maggio 1978 un uomo se n’è andato e con lui una generazione intera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.