BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Domenica di sangue sulle strade bergamasche, morti due padri di famiglia

Gli incidenti nella notte. E una 18enne rischia grosso ribaltandosi con la propria auto lungo la provinciale ad Ardesio: il bilancio è drammatico

Domenica di sangue sulle strade bergamasche, dove due uomini, entrambi padri di famiglia, hanno perso la vita in altrettanti incidenti stradali. 

La prima tragedia si è consumata a Osio Sotto, poco dopo le 2.30. Adrian Costea George, 33enne di origini romene da anni residente a Pagazzano, è morto dopo essere rimasto coinvolto in un incidente con altre due auto.

Nella vita di tutti i giorni faceva l’operaio. Ma, soprattutto, era il padre di tre bambini piccoli che frequentano l’asilo e le scuole elementari del paese. Con loro e la moglie abitava in una casa in via Brignano, nel Comune della Bassa.

Stando a quanto ricostruito, il 33enne stava viaggiando al volante di una Chevrolet lungo via Milano, in direzione di Zingonia, quando per cause ancora da accertare si sarebbe scontrato contro una Golf e una Polo che viaggiavano nel senso opposto. Quando i vigili del fuoco lo hanno estratto dalle lamiere, per lui non c’era più nulla da fare. È morto sul colpo. Feriti, seppur non gravemente, i conducenti degli altri mezzi: un ragazzo di 24 e un uomo di 56 anni.

La seconda fatalità quattro ore più tardi, alle 6.30. Vittima un uomo di 54 anni, Giampietro Calvi, residente a Bolgare, dove alle prime luci dell’alba si è verificato un altro tragico schianto. Padre di due figlie, Arianna e Chiara, l’uomo stava percorrendo la provinciale 91 alla guida di una Lancia Y, quando è rimasto coinvolto nell’impatto con una Fiat 500 con a bordo tre ragazze di 20, 19 e 17 anni residenti nell’hinterland bergamasco. Le giovani, che avevano trascorso la serata in una discoteca nel bresciano, stavano rientrando a casa. Ferite, sono state trasportate in codice giallo all’ospedale, dove sono state dichiarate fuori pericolo.

calvi

Secondo la ricostruzione dei militari, Calvi, anch’egli operaio, si stava recando a lavoro in provincia di Brescia. Le auto viaggiavano in direzioni opposte quando l’utilitaria che ospitava le tre ragazze avrebbe sbandato invadendo l’altra corsia. L’uomo, nonostante il pronto intervento dei soccorsi, è deceduto sul colpo. Per la conducente della Fiat 500 sono invece scattati gli accertamenti per capire se stesse guidando sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti.

Infine, ha rischiato grosso una ragazza 18enne di Villa d’Ogna, ribaltatasi con la propria auto lungo la strada provinciale di Ardesio. Era circa l’una quando la sua Citroen C3 nera, che viaggiava da Valbondione in direzione Bergamo, si è ribaltata dopo avere affrontato una semicurva.

L’auto avrebbe urtato il muro a fianco della carreggiata e complice il violento impatto si sarebbe capovolta, strisciando sull’asfalto per una decina di metri. Soccorsa dall’automedica e dalla Croce Blu di Gromo, la giovane è stata trasportata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Ardesio, 18enne si ribalta con l'auto

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.