BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Treviglio col naso all’insù per la stravagante opera di Mombrini: 7mila bottiglie appese in via Sangalli fotogallery

L'idea dell'artista trevigliese porterà 7mila bottigliette riciclate dai residenti appese nella centralissima via Sangalli

A Treviglio tutti con il naso all’insù, sta arrivando in via Sangalli l’opera dell’estroso artista trevigliese Battista Mombrini dal titolo “Non negare mai una seconda possibilità”.

Già da alcuni anni l’associazione “Amici di via Sangalli”, composta dai commercianti che esercitano lungo tutta la via, regala alla cittadinanza alcune particolari abbellimenti lungo tutti i 220 metri della centralissima strada, che porta proprio dritti al cuore del paese.

Dopo gli ombrelli – con relativa variante illuminata -, i pesci colorati e i maggiociondoli ecco che per l’anno 2017 verranno appese ben 7000 bottiglie riciclate consegnate direttamente dai cittadini trevigliesi, le quali, appositamente dipinte con una particolare pittura resistente alle intermperie e con una precisa tecnica artistica a “colata”, riproporranno i colori dell’arcobaleno per tutto il tratto interessato dall’opera.

L’idea, che da anche il nome all’opera stessa, è quella di concedere una “seconda vita” a degli oggetti, le bottiglie vuote in questo specifico caso, le quali vengono cosi riutilizzate per diventare un vero e proprio gioiello artistico.

Realizzata dal maestro trevigliese con il prezioso aiuto di Franco Scaricabarozzi e Stefano Frassini, l’opera – che è stata prodotta a costo zero se non per quanto riguarda la vernice donata personalmente da Mombrini – sta venendo piano piano allestita in questi giorni lungo tutti i 220 metri del percorso e una volta ultimata rimarrà in posa fino a settembre.

Questo allestimento è solo la punta di diamante di una serie di iniziative che i commercianti della via hanno in programma per i mesi a venire, con diversi eventi, come il mercatino dei piccoli, la rassegna degli scultori e dei pittori e tanto altro che verranno organizzati per promuovere e far conoscere la locale zona.

L’appuntamento più prestigioso sarà sicuramente “Cenarbeneficando” del prossimo 23 giugno, con una lunghissima tavolata di oltre 200 metri in cui verranno serviti ottimi piatti preparati per l’occasione dall’associazione “Buongustaio” di Rivolta d’Adda. Come successo per l’edizione 2016, dove è stato possibile acquistare un defibrillatore e la conclusione del pagamento di un asilo a Wallacha in Etiopia, il ricavato dell’intera serata verrà devoluto ad opere di natura benefica.

“Battista Mombrini ogni anno vuole realizzare qualcosa di nuovo da dedicare alla nostra via come attrattiva e per differenziarla dalle altre vie del centro – afferma Stefano Brivio, referente dell’associazione “Amici di via Sangalli” – è sicuramente un’attrazione curiosa, con tanta gente che si ferma ad ammirarla o a fotografarla nonostante non sia ancora ultimata. Mombrini ci ha portato questo particolarissimo progetto durante una riunione tra noi dell’associazione e abbiamo subito accettato. Lui si è da subito dato da fare per dipingere queste bottiglie anche se il bello è il fatto di aver coinvolto anche tutta la cittadinanza nel portarci le loro bottiglie”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.