BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Teatro Donizetti, 31 lavoratori riassunti da una cooperativa di Verona

Turani, SLC-CGIL: "Affrontato anche il tema del periodo di ristrutturazione e del destino del personale. Per i mesi di stipendio arretrato, vertenza contro la Cooperativa Servizi Teatrali"

Qualche novità e qualche prima rassicurazione sono arrivate mercoledì 3 maggio al termine di un incontro sindacale sul destino dei 31 lavoratori del Teatro Donizetti che, alle dipendenze fino a qualche giorno fa della “Cooperativa Servizi teatrali”, sono impiegati come addetti alla biglietteria, maschere di sala e tecnici di palco nel più prestigioso teatro di Bergamo.

Sulle lettere di licenziamento ricevute dai lavoratori negli ultimi giorni e sulle due mensilità non pagate si è, infatti, svolto nel primo pomeriggio di oggi un confronto tra Paolo Turani, segretario generale della SLC-CGIL provinciale, e il direttore del Teatro, Massimo Boffelli, alla presenza anche di Massimo Chizzolini, direttore dell’Area Cultura del Comune di Bergamo.

I lavoratori si erano rivolti alla CGIL nei giorni scorsi per il mancato pagamento di una mensilità dello stipendio (poi le mensilità mancanti sono salite a due). Il 27 aprile nella sede di via Garibaldi hanno organizzato un’assemblea per discutere della protesta da inscenare in occasione del corteo del Primo Maggio. La SLC-CGIL ha subito chiesto un incontro urgente al Comune di Bergamo e alla cooperativa. Il 28 aprile, però, i lavoratori hanno cominciato a ricevere gli avvisi di licenziamento.

“Nelle ultime ore i lavoratori sono stati tutti riassunti da un’altra cooperativa, la ‘DOC’ con sede a Verona e, presente in città, con un ufficio in via Quarenghi” spiega Paolo Turani della SLC–CGIL provinciale. “L’incontro di oggi è stato un primo passo per capire cosa accadrà a questi lavoratori, anche alla luce dell’imminente e prolungata chiusura del teatro per ristrutturazione che comporterà il trasferimento di tutti gli spettacoli della prossima stagione al Teatro Sociale e al Palacreberg”.

“Fino al termine dell’attuale stagione il posto di lavoro pare assicurato, ma con il direttore del teatro Massimo Boffelli abbiamo avviato una prima discussione su come reimpiegare il personale e sul destino di questi lavoratori nel momento in cui il Donizetti chiuderà. Intanto la SLC-CGIL ha deciso di avviare subito contro la prima cooperativa una vertenza per il recupero delle due mensilità mancanti”, conclude Turani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.