BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cucina

Informazione Pubblicitaria

Trenette, aglio orsino, olio e peperoncino: la ricetta firmata “Cece e Simo” fotogallery

Nuova tappa della rubrica di cucina curata dalla nostra Stefania Buscaglia di Mangiare da Dio: questa volta lo chef Filippo Cammarata ci cucina un piatto primaverile

A chi non è mai capitato di fare o sentirsi fare la domanda: “Mi consiglieresti un ristorante a Bergamo per stasera? Dove potrei andare a mangiare?”
Beh, sappiate che, dopo un’accurata personalissima statistica, abbiamo definito che il nome che ritorna più frequentemente è quello di “Cece e Simo”.
“Cece e Simo”, ovvero il ristorante bergamasco del passaparola. E se passaparola c’è, significa che la soddisfazione è reale e diffusa.

Da "Cece e Simo"

Le motivazioni sono presto dette: il locale è accogliente e di buon gusto, senza sfociare in eccessi o fronzoli ed è perfetto in ogni occasione: piacere, affari, famiglia, coppia o amici. Difficile individuare una situazione in cui andare da “Cece e Simo” non sarebbe una scelta azzeccata!

Fondato nel 2001 dai due titolari Cesare Cece Crippa e Simone Simo Lorenzi, il ristorante è diventato in breve tempo meta di buongustai e gourmet goderecci, soprattutto per la varietà e l’eclettismo della carta che spazia tra specialità di carne, frattaglie e quinto quarto, e cucina del Territorio.
Merito dello chef Filippo Cammarata, siciliano di origini ma bergamasco di nascita che ha saputo trasformare le esperienze e gli insegnamenti ricevuti in una cucina dal timbro riconosciblissimo e marcatamente gourmet. I piatti, che traggono ispirazione dalla tradizione italiana, spesso vengono reinventati dallo chef che si racconta attraverso pietanze che ripercorrono la sua storia familiare – come la Caponata Cammarata (secondo la ricetta di famiglia), scoprono la ricchezza della terra e dei suoi prodotti – come per le Trenette con l’Aglio orsino, si avventurano in piatti gourmet degni di un ristorante stellato come nel caso dei Tortelli di cervello con brodo di oliva infuso al Salmoriglio. Esperimenti che allo Chef Cammarata risultano semplici e naturali, viste le sue precedenti esperienze nelle cucine tristellate di Niko Romito al Ristorante Reale e la più recente presso l’Osteria Francescana, a fianco del grande Massimo Bottura.

E poi, la carne! Ecco, la carne da Cece e Simo è praticamente un must, grazie alla “special-relationship” con Lorenzo Lorenzi, padre di Simo e “spacciatore” di fiducia del ristorante che garantisce tagli di grande qualità ed eccellenza che lo chef e la sua cucina propongono cotti alla brace o al camino o– più semplicemente – nella versione “nature”, ovvero la tartare di carne che, da Cece e Simo viene tradizionalmente condita direttamente al tavolo, a seconda del gusto del commensale.

Altro fiore all’occhiello del ristorante, il “Menù degli Introvabili”, una proposta completa di frattaglie e “di altre sciocchezze”, come recita simpaticamente la carta, dedicate ai più appassionati gourmet, diversamente obbligati a puntare in direzione dei certamente più cari stellati, per potersi godere tali chicche, degustabili come portate (12,00 € cad), in versione “assaggino” (7,00 € ) o in degustazione (45,00 €).

Una proposta dunque che onora la tradizione italiana attraverso la scelta di materie prime “povere” ma di assoluta qualità, e che viene presentata al commensale in un menù dall’aspetto naif e ludico: un vero e proprio quaderno di scuola che emoziona e catapulta il cliente in una dimensione proustiana, accogliente e coinvolgente. Menù che suggerisce antipasti tra gli 8,00 e i 16,00 euro, primi con un costo medio di 14,00 euro e secondi piatti con una spesa che oscilla tra i 20 e i 24 euro. Il pane e le paste fresche sono rigorosamente preparati in casa e ovviamente, le proposte possono essere scoperte in una formula de gustativa denominata “Riassunto”.

La proposta della Cantina è oltremodo ricca, tanto che i titolari hanno letteralmente rinunciato a una sala del locale per dedicarla alle oltre 300 etichette che affiancano l’altrettanto considerevole proposta di birre artigianali.
A dimostrazione che nessuna Guida sarà mai forte come il “passaparola”.

PROVATO E APPROVATO PER VOI
Tortelli di cervello al brodo di olio d’oliva infuso al Salmoriglio. 13,00 €
Controfiletto di manzo alla brace, midollo e pak choi agro. 20,00 €

Da

LA RICETTA DELLO CHEF
Trenette, aglio orsino, olio peperoncino.
Ricetta per 4 porzioni

INGREDIENTI
100 g aglio orsino
50 g olio extravergine di oliva
1 peperoncino fresco
1 panino di semola di grano duro
1 spicchio d’aglio
Un pizzico di peperoncino in polvere
Olio evo q.b.
Olive secche sbriciolate q.b.
400 g di trenette
sale q.b.

PREPARAZIONE
Cuocete in acqua bollente salata le trenette, lasciandole leggermente al dente..
Nel frattempo, frullate l’aglio orsino con l’olio e qualche cucchiaio di acqua, aggiungete un pizzico di sale e mettere da parte.
Tagliate a cubetti il pane, tostatelo in una padella calda con l’aglio è un pizzico di peperoncino in polvere.
In una padella scaldate un filo di olio evo e il peperoncino fresco tagliato a fettine, scolate la pasta e saltatela. Aggiungete l’aglio orsino e mantecate.
Servite le trenette con il pane croccante, e finite con lamelle di peperoncino e olive nere sbriciolate

Cece & Simo
(Chef Filippo Cammarata)
Bergamo, via IV Novembre 65/67
Chiuso la domenica e sabato a pranzo
Tel. 035-400008
www.cecesimo.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.