BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Piazza Dante al Sentierone: un bando europeo per rifare il look al centro di Bergamo

Il bando aprirà il 5 maggio e si dividerà in due fase: il vincitore, annunciato entro il 9 febbraio 2018, metterà la sua firma sulla riqualificazione di un'area centralissima di Bergamo.

Un concorso europeo di progettazione, il sesto promosso dalla Giunta Gori, per dare nuovo slancio al centro Piacentiniano di Bergamo: un contest internazionale di idee che sarà aperto a tutti gli studi e che mira ad una riqualificazione soprattutto dal punto di vista dell’attrattività e dell’accessibilità, con particolare attenzione alla qualità, al recupero e al riuso dell’esistente.

Il perimetro oggetto di bando si estende dalle Colonne di Prato a Via Tasso lungo il Sentierone e dai Propilei fino alla Banda d’Italia su via Roma, comprendendo ambiti importanti quali piazza Cavour, piazza Dante, il Quadriportico e largo Belotti: gli obiettivi sono la valorizzazione degli spazi urbani del centro, rilancio delle attività ricettivo-turistiche e commerciali, recupero e riuso funzionale del patrimonio edilizio esistente, promozione di iniziative ed eventi socio-culturali e miglioramento della fruibilità.

Il bando si dividerà in due fasi, la prima delle quali prenderà il via il 5 maggio con la pubblicazione ufficiale: entro mezzogiorno del cinque luglio gli studi interessati dovranno far pervenire curriculum e progetti che verranno valutati da una commissione giudicatrice composta da cinque membri, un esperto in progettazione urbana individuato dall’amministrazione comunale, 1 esperto sorteggiato con terna proposta dall’Ordine degli Architetti, 1 esperto sorteggiato con terna proposta dall’Ordine degli Ingegneri, 1 dirigente del Comune di Bergamo individuato secondo criteri di comprovata esperienza, professionalità e competenza nei temi oggetto del concorso e un 1 esperto in economia urbana e/o sociologia sorteggiato secondo una terna proposta dal Distretto Urbano del Commercio.

Da questa selezione usciranno, entro il 25 settembre, i cinque finalisti, valutati sulla presentazione di un concept plan per l’intera area, che accederanno alla seconda fase del concorso, nella quale verranno richiesti un approfondimento della proposta d’insieme e la progettazione più dettagliata degli ambiti “Piazza Dante e Quadriportico” e “Sentierone lato est, nella parte antistante il Teatro Donizetti, e piazza Cavour”.

Chiusura del concorso fissata per il 28 dicembre, con proclamazione del vincitore entro il 9 febbraio 2018.

“Per il bando abbiamo collaborato con Duc, Università e Atb – ha precisato il sindaco Giorgio Gori – Crediamo che possa essere un modo per rafforzare gli insediamenti commerciali sempre più indeboliti negli ultimi anni dai tanti centri commerciali che circondano la città. Abbiamo scelto lo strumento del contest internazionale per un luogo particolarmente importante della città, oggetto di revisione nel 1907 quando trionfò il progetto di Piacentini e Quaroni: il tutto si accompagna alle riflessioni sulla mobilità che stiamo portando avanti, con i temi della pedonalizzazione, della Linea C e di una città sempre più senza auto”.

Di particolare rilevanza e attualità gli approfondimenti, oggetto della seconda fase, su Piazza Dante e Piazza Cavour: il primo con la vendita dell’ex Diurno e il secondo con l’intervento di riqualificazione del Teatro Donizetti. “Entrambi già finanziati nel piano di opere pubbliche con un milioni di euro ciascuno – ha sottolineato l’assessore alla Riqualificazione Urbana Francesco Valesini – Su Piazza Dante servirà ripensare gli spazi, ragionare sul ruolo e sulla presenza del verde, valorizzare la fontana e pensare le connessioni con l’ex Diurno e relative vie di fuga che avranno un’incidenza significativa. Per quanto riguarda il Quadriportico del Sentierone l’obiettivo è di incrementarne l’attrattività, creare spazi attrezzati con strutture leggere e definitive per allestimenti o eventi. Sul Sentierone l’indicazione è quella di migliorare la qualità degli spazi pubblici e aumentare la sicurezza urbana mentre l’intervento in piazza Cavour dovrà necessariamente tenere conto del restauro del Donizetti”.

Gli indirizzi specifici per i diversi ambiti sono indicati in 20 schede di approfondimento dettagliate relative a una selezione di immobili e spazi aperti del centro Piacentiniano.

Soddisfatti dell’iniziativa e del coinvolgimento a vari livelli l’Ordine degli Architetti, l’Ordine degli Ingegneri, l’Università di Bergamo e Ascom mentre l’assessore alla Mobilità e Pianificazione Territoriale Stefano Zenoni ha riassunto i progetti dell’amministrazione su questa area strategica della città: “Tra variante urbanistica, metrobus e questo concorso credo che il nostro disegno sia molto chiaro: vogliamo che spazi oggi ibridi vengano ripensati e ridisegnati. Immaginiamo Largo Belotti come luogo ideale per un nuovo parcheggio di servizio, il Sentierone allungato con una nuova accessibilità pubblica, parcheggi in zone di contorno rispetto all’area oggi oggetto di bando che possano valorizzare il centro ma generare anche flussi pedonali appena al di fuori, valorizzando anche il tessuto commerciale delle vie limitrofe e non solo quello di via XX Settembre”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.