• Abbonati
Sala piatti

Violoncello e pianoforte: il duo Moser e Campaner apre a Bergamo la tournée italiana

Mercoledì 27 aprile alle 21 in sala Piatti si chiude la 114ª stagione concertistica della Società del Quartetto con l'esibizione del duo violoncello e pianoforte con Johannes Moser e Gloria Campaner.

Segnatevi questa data: mercoledì 27 aprile alle 21 in sala Piatti si chiude la 114ª stagione concertistica della Società del Quartetto con l’esibizione del duo violoncello e pianoforte con Johannes Moser e Gloria Campaner.

Johannes Moser è un violoncellista tedesco di fama internazionale (vincitore del concorso Cajkovskij), Gloria Campaner è una pianista veneta, apprezzata in tutto il mondo per la sua versatilità.

Se a Bergamo chiudono la stagione della Società del Quartetto, l’appuntamento di mercoledì 27 aprile segna la prima tappa di una tournée italiana che termina a Modena il prossimo 13 maggio. Giovani, bravissimi e belli propongono un programma che accosta proprio un compositore tedesco (Brahms, Sonata n.1 op. 38) e uno italiano (Respighi, Adagio con variazioni P 133/a), più la Sonata di Franck.

Il loro incontro è degno di un film. Correva l’anno 2003 quando si sono incontrati per caso a Ticino Musica. Lei era impegnata in una masterclass, mentre lui era ospite come concertista.

Campaner studiava in un’aula con piano a coda – difficilissima da trovare libera – quando lui le chiede di lasciare la stanza per le sue prove. La bella pianista italiana si arrabbia perché pensa che si tratti solo di un giovane studente di violoncello che avrebbe potuto provare anche altrove. Invece la sera, incuriosita va a sentire il concerto del “famoso violoncellista” di cui tutti parlavano e vede comparire proprio quel ragazzo al quale non voleva cedere l’aula!

Da quell’incontro passa molto tempo. Johannes Moser racconta: “Tre anni fa ho letto che Gloria aveva vinto la Borletti Buitoni competition a Londra. Le ho inviato una email per congratularmi,
e così abbiamo ripreso i contatti. Poco dopo, sono andato a sentire un suo concerto a Karlsruhe, in Germania: così è nato il desiderio di suonare insieme”.

Johannes Moser si sente molto vicino alla musica di Brahms, che ha ascoltato e suonato fin da piccolo. La sua famiglia (di musicisti) aveva un legame con il compositore: il bisnonno lo conosceva personalmente. Moser ha anche vinto il Brahms Prize nel 2014. In Italia ha suonato al Maggio Musicale Fiorentino, con l’Orchestra Rai a Torino, a Ravenna e in tournée con Riccardo Muti. Il prossimo dicembre sarà impegnato a Milano in trio. All’estero suona con i Berliner Philharmoniker, la New York Philharmonic, la Chicago Symphony, la London Symphony, tra le altre. http://www.johannes-moser.com/

Gloria Campaner ha recentemente suonato con successo come solista in recital per l’Unione Musicale a Torino, a Beirut in Libano, in Sud America in tournée (anche sull’Isola di Pasqua, dove ha suonato nel primo centro culturale nella storia dell’isola), lo scorso dicembre a Roma (Accademia Filarmonica Romana) ha interpretato in prima assoluta il nuovo brano “The lost book” che Giovanni Sollima ha scritto per lei.
Tra i prossimi progetti sarà ospite del Marlboro Music Festival organizzato da Mitsuko Uchida in Vermont ed è in uscita a maggio il suo disco del live con l’Orchestra della Rai e Juraj Valcuha (Rachmaninov concerto n.2) per Warner Classics. È molto attenta ai progetti umanitari per portare la musica classica anche ai bambini e ai ragazzi meno fortunati (ha portato la musica ai giovani della Favela Rocinha di Rio de Janeiro, in Myanmar e nelle townships di Città del Capo in Africa). http://www.gloriacampaner.com/

Entrambi i musicisti tengono molto alla trasmissione della musica classica ai giovani e ad un pubblico diverso anche attraverso progetti innovativi.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI