BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Meningite, ricoverato 18enne a Milano: torna la paura in Lombardia

Da dicembre quattro morti: due giovani studentesse e due insegnanti

Più informazioni su

Torna la paura della meningite in Lombardia. Un nuovo caso è stato segnalato dall’ospedale Niguarda, dove è ricoverato uno studente di diciotto anni iscritto al liceo scientifico Leonardo da Vinci di via Respighi. In poche ore tutti i compagni di classe e i professori della scuola sono stati contattati per la profilassi.

In una nota diffusa in serata dall’assessorato al Welfare si parla di «un caso di sospetta sepsi meningococcica»: «Dalle prime indagini di laboratorio eseguite è stato rilevato il liquor di aspetto torbido. Tutte le evidenze cliniche portano ad una sospetta meningite da meningococco. Siamo in attesa di ricevere la tipizzazione». Ma «è probabile che sia di tipo C, considerata l’età del ragazzo», secondo Marino Faccini, responsabile di profilassi delle malattie infettive dell’Ats Milano. «Ci vorranno comunque due o tre giorni per sapere di quale ceppo si tratta».

A dicembre, dopo il caso delle due studentesse della Statale morte per meningite fulminante (Flavia Roncalli e Alessandra Covezzi), era scattata la vaccinazione per 140 persone fra allievi e docenti. L’allarme era di nuovo scattato a febbraio all’istituto tecnico Curie Sraffa nel quartiere popolare di San Siro, dove la vittima era stata un’insegnante: la professoressa di scienze Vittoria Patti, morta all’ospedale San Paolo per meningite fulminante. A distanza di sette giorni, un nuovo caso aveva riacceso i riflettori sulla meningite: questa volta all’ospedale San Raffaele era morta una donna di 49 anni, Clara Arrigoni, insegnante di catechismo nella parrocchia di Truccazzano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.