BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Disservizi, code e risse: che impresa rinnovare il passaporto a Bergamo”

La vicenda di un 50enne bergamasco, P.S., che a causa dei disagi in questura rischia di dover saltare un viaggio in Canada

Più informazioni su

Questione rinnovo del passaporto a Bergamo, ci risiamo. Dopo le polemiche dei cittadini bergamaschi delle settimane scorse, alle prese con il rinnovo del documento di viaggio, ecco una lettera sulla vicenda di un 50enne bergamasco, P.S., che a causa dei disagi in questura rischia di dover saltare un viaggio in Canada:

“Buongiorno redazione,
vi scrivo per farvi conoscere la situazione di chi come me deve rinnovare il passaporto a Bergamo e i problemi che si riscontrano per quella che in un Paese civile dovrebbe essere una normale procedura.

Sono alle prese con il rinnovo del passaporto poiché tra un mese mi devo recare in Canada per una vacanza. Ho scritto sono alle prese perchè ho iniziato ad avviare al procedura due mesi fa, ma ancora non ci sono riuscito.

Prima di tutto ho scoperto che la prenotazione per l’appuntamento in questura si deve fare on line. Bene, mi collego al sito e provo a prenotarmi. Ma nulla, mi dice che non è possibile, nonostante abbia provato in giorni e orari diversi.

Tra l’altro, nella documentazione indicata sul sito per il rinnovo manca la fotocopia della carta d’identità (quindi chi non lo sa deve tornare a farla una volta dopo aver sopportato ore di coda).

Allora mi reco direttamente alla questura di via Noli. È mattina, verso le 7, e nonostante gli uffici aprano alle 9, c’è già una coda lunghissima. Niente, impossibile.

Torno giovedì pomeriggio, l’unico giorno in cui è aperto non solo al mattino, Mancano pochi minuti alle 14 e la situazione è già caotica. Ci sono anche una decina di persone rimaste in sospeso dal mattino. A un certo punto qualcuno inizia a discutere per il posto in coda, tanto che arrivano quasi alle mani.

Io mi sposto, osservo e rifletto: ma tutto questo può far parte di un Paese civile come l’Italia? E nel frattempo penso che a meno di un mese dalla partenza non ho ancora ottenuto il rinnovo del passaporto e rischio seriamente di dover buttare i soldi spesi per il biglietto. Sono esterrefatto”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Orlando Brunialti

    Anche io mi sono imbattuto in questo schifo.
    La prenotazione on line è una farsa, quasi tutti i giorni mi collego è attendo la nova giornata che appare alle 8. ( posso provarlo, faccio un filmato di quanto accade )
    Sempre ( alle 8:00 ) appare già completa.
    Il responsabile del servizio passaporti mi ha detto che la prenotazione online non funziona e che loro utilizzano un agenda scritta a mano.